Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Borrelli, riforma Gelmini è peggiore della legge Moratti

Università: studenti occupano rettorato "Federico II" a Napoli


Università: studenti occupano rettorato 'Federico II' a Napoli
25/11/2010, 14:11


NAPOLI - Studenti e ricercatori dell'Università Federico II di Napoli hanno occupato oggi la sede del rettorato dell'ateneo federiciano, in segno di protesta contro la riforma del ministro dell'Università e della Ricerca Mariastella Gelmini. La protesta avrà sabato prossimo il suo momento clou a Napoli con un raduno indetto davanti alla facoltà di Giurisprudenza della "Federico II". "Appoggiamo studenti e ricercatori - dice il commissario campano dei Verdi Francesco Emilio Borrelli - perché questa riforma elimina la rappresentanza studentesca dagli organi di controllo e aumenta il protere dei baroni". Per Borrelli "é incredibile che nessuno ricordi che questa riforma modifica la precedente legge realizzata dall' allora ministro Moratti in un precedente Governo Berlusconi". "Allora - continua Borrelli - ero rappresentante al Consiglio Universitario Nazionale e votai contro contro quella cattiva legge. Oggi posso solo dire che questa riforma peggiora notevolmente la già cattiva legge Moratti". "E' assurdo - sottolinea ancora Borrelli - che la Gelmini preveda, poi, l' eliminazione dei rappresentanti degli studenti dai Consigli d' amministrazione. In poche parole leva alla rappresentanza studentesca il controllo degli atti amministrativi delle univeristà". "Sabato 27 Novembre - annuncia il consigliere d' amministrazione della Confederazione degli Studenti alla Federico II Dimitry Paipais, presente all' occupazione del Rettorato - gli studenti universitari Italiani si raduneranno a Napoli nella sede di Giurisprudenza della Federico II, in via Marina 33, per organizzare le iniziative di contrasto alla pessima riforma Gelmini. Dobbiamo essere uniti per combattere contro la disintegrazione del nostro futuro che sta operando il governo Berlusconi".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©