Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

A Settembre provini e audizioni per i corsi dell'UPAM

UPAM Pompei - L'Università Popolare Arte e Musical incontra i giovani artisti del futuro


UPAM Pompei - L'Università Popolare Arte e Musical incontra i giovani artisti del futuro
20/09/2011, 09:09

L’Arte è espressione dell’interiorità dell’Uomo. Chi comunica l’Arte deve avere la consapevolezza del messaggio che essa trasferisce. Pensiero e azione, nel dominio del tempo, sono gli strumenti della sfida dell’Università Popolare Arte e Musical – UPAM – di Pompei, per formare giovani coscienti di questo variegato universo che, straordinario, coinvolge e infonde serenità, inquietudine, fervore, senso del bello, estasi, malinconia, allegria, aggregazione e ogni impulso a veneficio della psiche.

Apparire in televisione per esibirsi in spettacolo non degni di questo nome e che, purtroppo, saturano i palinsesti delle reti televisive, con l’intento di diventare famosi, non sottende l’esistenza di un talento. La TV dei nostri anni ha una pletora di personaggi che poco o niente hanno a che fare con l’Arte. Il successo è tutt’altra cosa! Solo chi ha una formazione artistica, chi lavora e costruisce il suo talento può farcela e non tramontare mai.

Attori, cantanti e ballerini sono professioni che esigono un impegno costante. Il mettersi in gioco richiede serietà e, non ultima, una grande umiltà.

Ina Perna, direttore artistico dell’U.P.A.M., e il corpo docenti sono determinati a perseguire l’obiettivo che si sono posti: didattica sì, ma anche uno stile di vita improntato al lavoro di gruppo, alla formazione di una rete che solleciti i giovani a creare una società virtuosa dove la solidarietà e la concretezza siano alla base del principio di vita in comunità. Cogliere il meglio dalla storia del Cinema, del Teatro e della Televisione per forgiare artisti che possano assurgere con determinazione e preparazione, oltre che con sviluppato talento, a protagonisti del set, del palcoscenico, dello studio televisivo. Uomini e donne capaci di gestirsi la vita con equilibrio, intelligenza e tenacia.

“La vita è un palcoscenico e noi – dicono all’U.P.A.M – siamo gli attori che, proprio in queste aule, insegneremo soprattutto il significato della parola rispetto, già rispetto per se stessi e per gli altri, per poi formare gli allievi utilizzando la loro stessa spontaneità, la loro originalità da impiegare in un gioco di squadra. L’acquisizione dello spirito di sacrificio  per un artista una meta fondamentale: ricominciare ogni volta che l’esigenza lo richiede, fino a raggiungere il risultato atteso. Già, un po’ come rifare la gavetta, ma con naturalezza, senza patemi d’animo, senza drammi”.

All’epilogo di tutto, un progetto per il futuro: mettere su una compagnia artistica capace di imporsi nel mondo del lavoro.

L’Università Popolare Arte e Musical entro settembre prevede audizioni e provini per l’accesso ai corsi.

Info: www.upamarte.it

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©