Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Vertenza Alcatel, positiva prima riunione con Ministero


Vertenza Alcatel, positiva prima riunione con Ministero
16/09/2009, 10:09


Si è svolta ieri, presso il Ministero dello sviluppo economico, una riunione sulla vertenza dello stabilimento Alcatel-Lucent di Battipaglia. L’iniziativa unitaria, alla quale hanno dato vita le istituzioni locali, è condivisa dalle organizzazioni sindacali di categoria e punta al mantenimento dell’insediamento industriale e dei livelli occupazionali. Significativo il riscontro da parte del Governo, rappresentato dal viceministro dello Sviluppo economico Paolo Romani e dal sottosegretario al Lavoro Pasquale Viespoli. La Regione Campania, presente al tavolo con Guglielmo Allodi, capo della segreteria del presidente Bassolino, e con l’assessore all’innovazione Nicola Mazzocca, ha espresso un giudizio positivo sull’esito della riunione ed ha annunciato la disponibilità a mettere in campo ulteriori iniziative che possano consentire il raggiungimento degli obiettivi. “Quello di oggi - hanno dichiarato Allodi e Mazzocca al termine dell’incontro - è un risultato che riteniamo importante poiché è stato riconosciuto il valore della ricerca e della attività produttive presenti in Campania e si è adottata come piattaforma di lavoro la proposta presentata dal sistema istituzionale locale. Il nostro sforzo è e resta quello di tutelare le lavoratrici e i lavoratori di Battipaglia e di garantire loro un futuro caratterizzato dal mantenimento dei livelli produttivi e occupazionali. Per fare questo occorre puntare su standard qualitativi elevati, che questa azienda è già in grado di assicurare e che ad oggi rappresentano l’unica garanzia per tenere in attività lo stabilimento. La Regione e le altre istituzioni locali continueranno a lavorare insieme al Governo, affinché questa vertenza e le altre che oggi interessano la nostra realtà territoriale possano trovare soluzioni positive per l’economia regionale e per il futuro dei tanti lavoratori colpiti dalle difficoltà di questa congiuntura”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©