Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Video-dediche per i lavoratori del Napoli Teatro Festival Italia


Video-dediche per i lavoratori del Napoli Teatro Festival Italia
11/02/2011, 10:02

Artisti e compagnie teatrali da tutto il mondo hanno espresso solidarietà verso i lavoratori del Napoli Teatro Festival Italia inviando video-dediche che saranno proiettate stasera, giovedì 10 febbraio, ore 20.30, in Galleria Umberto I, in occasione della manifestazione organizzata dai lavoratori per chiedere sostegno e “ringraziare” la città.

Da New York, Alba Clemente esprime “un grazie enorme a tutti i lavoratori del Festival per questi tre anni di pura creatività da tutte le parti del mondo. Sono onorata di averne fatto parte”.

“Vogliamo ringraziare tutto lo staff del Festival per il grande lavoro svolto in questi anni, abbiamo trascorso a Napoli dei giorni stupendi… (cantando una canzone) “We’ll meet again, don’t know where, don’t know when, but I know we will meet again!”, sono le parole di Matthew Lenton, regista che per la quarta edizione del Festival di Napoli avrebbe dovuto dirigere la Compagnia Teatrale Europea.

Dalla Corea del Sud Alexander Zeldin: “Vorrei esprimere tutto il mio amore per il Napoli Teatro Festival Italia che è stato un momento di speranza. La ragione per cui facciamo teatro è cercare di capire il mondo e Napoli ci ha dato la possibilità di farlo”.

“Avete tutta la solidarietà del Théatre de la Ville di Parigi - dice Emmanuel Demarcy-Mota - in pochi anni il Festival ha saputo darsi una forte identità e stringere legami con le più importanti strutture internazionali. Il Napoli Teatro Festival Italia ha acquisito in tre edizioni un posto indispensabile nel panorama europeo dello spettacolo dal vivo”.

Jean-Louis Martinelli racconta: “nella prima edizione del Festival abbiamo creato Médée: è stata un’esperienza straordinaria. Dopo quattro anni, questo spettacolo è ancora in tournée: andremo a Bogotà, a Buenos Aires, a Porto. E tutto questo è possibile grazie al Festival di Napoli”.

“Il Napoli Teatro Festival Italia è stato un avvenimento eccezionale per la città che ha avuto in questi anni uno sviluppo meraviglioso – dice Gustavo Tambascio - io sono stato molto felice in particolare per la messinscena de “La partenope”, un gioiello del Barocco napoletano, coprodotto dal Festival che in Spagna ha vinto il premio come miglior spettacolo. Vi porterò sempre nel cuore. Grazie a tutti”.

Infine, Jan Fabre: “A tutto lo staff del Napoli Teatro Festival Italia: non mollate! Difendete sempre la bellezza, la bellezza è il potere supremo, è il colore della libertà. Non mollate!”

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©