Politica / Politica

Commenta Stampa

Mancheranno le Frecce tricolori

2 Giugno, festa della Repubblica all'insegna dell'austerity

La manifestazione quest'anno costa 1,5 milioni di euro

2 Giugno, festa della Repubblica all'insegna dell'austerity
02/06/2013, 11:55

ROMA - Anche la cerimonia per la celebrazione della festa della Repubblica, quest’anno, si svolge all’insegna dell’austerity e della spending review. In particolar modo, mancheranno le Frecce tricolori – assenza che ha suscitato non poche polemiche – e non ci saranno i soliti reparti a cavallo per la sfilata. Il costo complessivo della manifestazione, in questo modo, non supererà il milione e mezzo di euro, una cifra drasticamente ridotta rispetto a quella spesa nel 2012 e nel 2011, quando la manifestazione costò rispettivamente 2 milioni e 4,4 milioni di euro. Nonostante i tagli, tuttavia, la parata militare ai Fori Imperiali si svolgerà regolarmente e nel corso della giornata si svolgeranno anche numerose iniziative pacifiste che vedranno coinvolte diverse associazioni ed enti del servizio civile.

A presenziare la manifestazione di stamattina c’erano il capo dello Stato e le massime autorità del Paese. Dopo aver depositato una corona d’alloro al Milite ignoto sull’Altare della Patria, Giorgio Napolitano, tra gli applausi della gente, ha raggiunto i Fori Imperiali, dove l’ha accolto un reparto di corazzieri a piedi. Dopo gli onori militari al capo dello Stato, sono sfilate bandiere e stendardi e, a seguire, c’è stata la sfilata dei Corpi dell'Esercito, della Marina, dell'Aeronautica, dell'Arma dei Carabinieri, dei Corpi militari e ausiliari dello Stato, dei Corpi armati e non (Forestale, Polizia di Stato, Servizio civile nazionale, Vigili del fuoco).

In rappresentanza del governo, in tribuna d'onore insieme al capo dello Stato, c’erano il presidente del Consiglio, Enrico Letta, i presidenti del Senato e della Camera, Piero Grasso e Laura Boldrini, il ministro della Difesa, Mario Mauro, e i ministri Angelino Alfano, Emma Bonino, Anna Maria Cancellieri, Cecile Kyenge.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©