Politica / Politica

Commenta Stampa

Via libera a due provvedimenti di editoria

2,3 miliardi per il Sud, aiuto per bambini, giovani e anziani

Monti:"Rigore in questi mesi per ridare dignità al Paese"

2,3 miliardi per il Sud, aiuto per bambini, giovani e anziani
11/05/2012, 17:05

ROMA – Un aiuto alle famiglie meno abbienti. C’è anche questo nella riorganizzazione dei Fondi strutturali europei per il Mezzogiorno che il premier, Mario Monti, presenterà oggi. Dovrebbero essere mosse somme per oltre 1 miliardo di euro, parte dei quali dovrebbe essere dirottata in favore di chi ha meno possibilità. A riferirlo sono fonti governative, le quali fanno sapere che il piano potrebbe essere già oggi sul tavolo del Cdm.
Dei 2,3 miliardi di fondi per il Sud, 730 milioni andranno a cura dell'infanzia (400 milioni) e degli anziani non autosufficienti (330 milioni). Il piano, inoltre, prevede che entro il 2015 si prevede la creazione di 18.000 posti nido nel Sud. Per l'assistenza domiciliare integrata agli anziani, invece, dovrebbero investire 330 milioni di euro. Soddisfazione rispetto al piano per il sud è stata espressa dal ministro per la Coesione sociale, Fabrizio Barca: “L'operazione per il solo Sud ha una grossa gamba sull'inclusione sociale, per 850 milioni euro e una seconda grossa gamba per la crescita da 1 miliardo e 500 milioni di euro”.
E’ invece il premier, Mario Monti, che spiega il perché dei rigidi metodi utilizzati dal Governo in questi mesi: “Il Governo ha dovuto usare in questi mesi gli strumenti e il linguaggio del rigore, perché rimettere in ordine i conti dell'Italia era necessario per restituire al nostro Paese la dignità e il ruolo tra i grandi Paesi europei”, ha sottolineando il premier evidenziando di essere al lavoro per un'economia sociale di mercato altamente competitiva.
Ma non solo bambini, giovani e anziani. Il consiglio dei Ministri, infatti, ha dato il via libera ai due provvedimenti in tema di editoria: un decreto che riordina i contributi al settore e un disegno di legge delega, che ridefinisce il sostegno legislativo all'editoria dal 2.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©