Politica / Regione

Commenta Stampa

4 novembre, Romano: “Gratitudine a Forze Armate e a cittadini benemeriti”


4 novembre, Romano: “Gratitudine a Forze Armate e a cittadini benemeriti”
05/11/2011, 13:11

“Mai come quest’anno, nella ricorrenza dei 150 anni dell’Unità di Italia, un anno tuttavia segnato da una profonda crisi economica e sociale, la festa del 4 novembre, ispirata dunque alla coesione nazionale e al sentimento di gratitudine che si deve alle nostre Forze Armate, acquista un significato particolare e profondo”.

Così, il Presidente del Consiglio regionale della Campania, Paolo Romano, a margine della cerimonia di consegna delle onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica, conferite dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, a 47 cittadini napoletani che si sono distinti nel loro operato per il perseguimento del bene comune, svoltasi questa mattina in Prefettura a Napoli.

“In questo difficile contesto, - ha aggiunto Romano – ho particolarmente apprezzato e condiviso lo spirito di un’iniziativa che valorizza ed esalta l’impegno e il grande civismo che contraddistingue i nostri concittadini che attraverso il loro impegno, vero esempio di vita, rappresentano l’immagine piu bella e virtuosa della nostra regione”.

Sempre a margine dell’evento odierno, il Presidente Paolo Romano ha colto anche la preziosa occasione per rivolgere a nome dell’Assemblea legislativa campana, nella giornata in cui si celebra l’Anniversario delle Forze Armate italiane, “il più sincero sentimento di gratitudine ai nostri militari che con grande coraggio e dedizione si adoperano quotidianamente per la difesa della nostra Patria e per la sicurezza internazionale, rappresentando dunque, con alto senso dello Stato, l’unità del Paese”.

“Ma il 4 novembre è e deve essere anche - ha concluso il presidente Romano - una giornata della ‘memoria’ per non dimenticare coloro, i nostri militari caduti nelle diverse missioni delle nostre Forze Armate nel mondo, che con estremo sacrificio e altissimo spirito di servizio hanno sacrificato la loro vita agli alti e nobili ideali della libertà, della democrazia e della pace”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©