Politica / Politica

Commenta Stampa

Il no agli aiuti è di Germania,Olanda,Finlandia,Svezia e Gb

5 Paesi dell’Ue bloccano i fondi per il sisma in Emilia

La motivazione: “C’è crisi, bisogna ridurre le spese”

5 Paesi dell’Ue bloccano i fondi per il sisma in Emilia
09/11/2012, 14:57

EUROPA – Niente più aiuti Ue per l’Emilia Romagna, colpita mesi fa dal terremoto: a bloccarli sono stati Germania, Olanda, Finlandia, Svezia e Gran Bretagna. La notizia emerge dalla riunione del  Consiglio di economia e finanza, durante la quale i cinque Paesi hanno fatto sapere di non essere più intenzionati a pagare i 670 milioni di euro del Fondo di solidarietà europea proposti per compensare i danni subiti dall'Italia.

“Tutti i Paesi hanno riconosciuto che l'Italia ha diritto ai finanziamenti del Fondo di solidarietà Ue e hanno formalmente approvato la decisione – fanno sapere le fonti - Germania, Olanda, Finlandia, Gran Bretagna e Svezia non vogliono, però, pagare il conto”.

I 27 paesi sono riuniti per decidere anche sul bilancio rettificativo Ue 2012, per cuila Commissioneha chiesto in più la cifra record di 9 miliardi. In agenda c’è anche il bilancio 2013, per cui la sempre la Commissione ha chiesto un aumento del 7% rispetto a quello dello scorso anno.

Anche per questi altri punti, i cinque Paesi si sono mostrati contrari: “Troppa crisi economica, bisogna ridurre le spese”, hanno così motivato la loro posizione.

I soldi chela Commissione chiede, però, sono quelli già stanziati per i progetti del bilancio 2007-2013. Siamo, ora, al termine e i conti vanno saldati. I negoziati tra Commissione, Consiglio e Parlamento per cercare di arrivare a un'intesa complessiva si prevedere che dureranno tutta la notte.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©