Politica / Regione

Commenta Stampa

Eletto Bocher, ma la Svp minaccia ostruzionismo

A Dobbiaco (BZ) la democrazia non c'è: sindaco italiano non può governare


A Dobbiaco (BZ) la democrazia non c'è: sindaco italiano non può governare
21/05/2010, 10:05

DOBBIACO (BOLZANO) - Domenica scorsa a Dobbiaco, un comune in provincia di Bolzano, si sono svolte le elezioni, come in molti altri comuni della provincia. Il risultato è stato contraddittorio: la Sudtirolen Volkspartei ha ottenuto la maggioranza dei consiglieri, ma il suo candidato sindaco è stato sconfitto da Guido Bocher. Normalmente in questa situazione si dovrebbe discutere e cercare di trovare un qualche accordo; invece qui la discussione non è nemmeno iniziata e non inizierà. Perchè Bocher ha un grave difetto: è italiano in un Paese a maggioranza tedesca. E sul punto è stato chiaro il candidato sindaco sconfitto Luis Durnwalder, esponente della Svp: "Sono molto scettico e voglio essere pragmatico: è difficile che a Dobbiaco la gente accetti Bocher come sindaco".
Ora, d'accordo che stiamo parlando di una regione ad ampia autonomia, dove la maggioranza è di origine tedesca; ma che si verifichi una discriminazione nei confronti degli italiani in quanto tali, mi sembra assurdo. E su questo la Lega Nord non ha nulla da dire? Dove è finito "il primato della padanità" di cui cianciano?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©