Politica / Politica

Commenta Stampa

A pochi giorni dal summit europeo il vertice Parigi-Berlino

Accordo Merkel-Sarkozy: riforma dei trattati costitutivi


Accordo Merkel-Sarkozy: riforma dei trattati costitutivi
05/12/2011, 17:12

L’atteso incontro tra il presidente francese Nicolas Sarkozy ed il cancelliere tedesco Angela Merkel si è svolto intorno alle 13,30 a Parigi. Al centro della discussione c’era l’elaborazione di un piano franco-tedesco che potesse placare i timori che si sono sviluppati intorno alla crisi del debito prevedendo le misure giuste nei tempi giusti. La data di oggi era strategica perché il prossimo 9 dicembre si svolgerà il summit europeo e dunque i due leader hanno scelto una linea comune da proporre anche agli altri Paesi.
Le decisioni prese sono state rese note dai diretti interessati durante una conferenza stampa. Alla base dell’accordo Berlino-Parige c'è la riforma dei trattati costitutivi europei ed il  procedimento da seguire, anche se per i particolari bisognerà aspettare a mercoledì quando , in una lettera, saranno svelati i dettagli.
Tra le proposte anche l’ipotesi di una riunione tra capi di Stato e di governo dell'area euro «tutti i mesi fin quando durerà la crisi, e ogni volta con un ordine del giorno preciso».  Germania e Francia hanno inoltre bocciato gli eurobond: «Siamo contro» questa ipotesi, ha detto la cancelliera.
Sarkozy ha spiegato che il nuovo trattato è aperto a tutti i 27 paesi dell'Unione europea,  obiettivo minimo è quello di raggiungere almeno 17 adesioni da parte di altrettanti Paesi  che sono già nell'eurozona. «Vogliamo rafforzare l'euro e dimostrare che siamo un'Unione affidabile e credibile» ha dichiarato la Merkel.
Non sono mancati riferimenti diretti anche all’Italia nei quali i due leader hanno affermato che la nostra economia non può essere paragonata al caso della “Grecia” che rappresenta un “caso particolare” nella sfera europea.

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©