Politica / Parlamento

Commenta Stampa

ADDIO AUTHORITY SULL'ENERGIA, IL POTERE TORNA NELLE MANI DEL GOVERNO


ADDIO AUTHORITY SULL'ENERGIA, IL POTERE TORNA NELLE MANI DEL GOVERNO
19/09/2008, 16:09

"Timeo Danaos atque dona ferentes" (Temo i greci anche quando portano i doni) diceva Virgilio nell'Eneide. E lo stesso vale per questo governo, evidentemente. A luglio, al momento di approvare il decreto fiscale, fu chiesta la fiducia su un maxiemendamento del governo, in cui era inserito un articolo che prevedeva l'azzeramento dei vertici dell'Authority dell'Energia, che si era opposto ad alcune decisioni del governo. E quindi - da voci ancora non confermate - si è saputo che il governo adotterà una misura ancora più drastica: l'eliminazione dell'authority al completo e la sua sostituzione con un organo nuovo di zecca, una "superagenzia" con autorità anche sull'acqua. Ovviamente questo nuovo organismo sarà controllato dal governo che si occuperà anche di nominarne i membri, con buona pace alle garanzie (più o meno teoriche) di avere una authority indipendente.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©