Politica / Regione

Commenta Stampa

Aggiornata al 6 aprile la seduta monotematica su Bagnoli


.

Aggiornata al 6 aprile la seduta monotematica su Bagnoli
24/03/2009, 17:03

E' stata sospesa e aggiornata al prossimo 6 aprile la seduta monotematica su Bagnoli del Consiglio comunale di Napoli, indetta all'indomani della richiesta del centrodestra campano di sollecitare l'intervento governativo per imprimere una svolta agli interventi sulla zona che da anni stentano a decollare, e a porre fine a quello che il parlamentare del PdL Marcello Taglialatela, insieme con i colleghi di partito, definisce un "disastro amministrativo, politico ed economico senza precedenti". La seduta odierna del Consiglio è stata rinviata su proposta del consigliere Antonio Funaro in attesa di ricevere la relazione del vicesindaco Sabatino Santangelo, "così da poter ampliare il dibattito". Riguardo alle politiche che interessano l'area Ovest di Napoli, il sindaco Iervolino ha detto che "Bagnoli non è ferma, anzi cammina e lo fa secondo i programmi. Presto - ha annunciato il primo cittadino - presenteremo anche i primi obiettivi raggiunti". Sarà completata entro l'estate la "Porta del parco", la prima definitiva struttura di Bagnoli nell'area dell'ex Italsider a Napoli: lo ha annunciato, nel corso della seduta, il vicesindaco Santangelo. "Contrariamente al centrodestra - ha aggiunto - non ritengo necessario né un protocollo né il commissariamento della BagnoliFutura. I lavori proseguono e la bonifica in alcune zone è in stato avanzato e in altre, meno ma sempre nel rispetto del cronoprogramma". Santangelo ha inoltre sottolineato che presto inizieranno anche i lavori per gli Studios e che sarà anche realizzata la stazione della Linea 6 del Metro, la tratta che consentirà di raggiungere piazza Municipio senza cambiare treno. "Il porto canale non è una nostra competenza ma dell'Autorità portuale, che deve decidere con il Ministero e le sovrintendenze - ha concluso Santangelo - La colmata, invece, dipende dai fondi del Ministero dell'Ambiente."

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©