Politica / Regione

Commenta Stampa

Regione Campania, si era liberato un posto da assessore

Agricoltura: Amendolara nominato assessore


Agricoltura: Amendolara nominato assessore
14/07/2010, 10:07

NAPOLI - Il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro ha nominato Vito Amendolara assessore all'Agricoltura. Liberatosi un posto da assessore dopo le dimissioni di Ernesto Sica Amendolara da consigliere all’Agricoltura del Presidente Caldoro è stato nominato assessore. Amendolara è stato direttore regionale della Coldiretti, cinquantanove anni, Vito Amendolara è sposato e ha due figli. Laureato in Scienze politiche, è stato per 35 anni nella Coldiretti. Nel suo percorso professionale è stato fra l'altro vicepresidente della Camera di Commercio di Napoli; presidente dell'Ismecert (Istituto mediterraneo di certificazione agroalimentare); ha tenuto corsi a Portici, presso la Facoltà di Agraria, e presso la Scuola di specializzazione, in qualità di docente esterno di Sistemi agroindustriali; ha collaborato con la università Parthenope di Napoli.
«Ho avuto la fortuna - dice Amendolara commentando il nuovo incarico - di essere stato subito operativo: dall'insediamento di questa giunta. In qualità di consigliere di Stefano Caldoro, che aveva tenuto per sè la delega all'Agricoltura, in meno di un mese ho già affrontato infatti diverse situazioni emergenziali. Sul fronte delle foreste, con l'emergenza estiva. E della pesca, dove c'è da attutire gli effetti dell'ordinamento comunitario che danneggia in particolare l'attività in Campania».
Priorità assoluta per Amendolara, sarà «innanzitutto evitare il disimpegno automatico di ben 116 milioni di euro»: «Se non li spendiamo entro il 31 dicembre queste risorse del Psr torneranno a Bruxelles», spiega. In vista del possibile acuirsi del fenomeno piromani, con l'estate, Amendolara sostiene di non essersi fatto trovare impreparato: «Il 2 luglio è partita una campagna antincendio e ci siamo attivati dal punto di vista logistico, con comunità montane e province, per essere in allerta, 24 ore su 24, sul fronte della salvaguardia del nostro territorio».
«In questi primi giorni di attività con la giunta Caldoro, spiega poi - ho già dovuto affrontare il problema delle mozzarelle blu e dei pomodori cinesi. Per venerdì prossimo ho convocato un tavolo a cui parteciperanno gli undici organismi predisposti alla controllo della sicurezza alimentare insieme all'assessorato della Sanità, per elevare l'allerta su questo fronte e garantire i consumatori».
«La mia missione - conclude - sarà quella di coniugare gli interessi dei cittadini campani guardando gli interessi dela imprese agricole. Questo infatti è un binomio inscindibile».

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©