Politica / Salerno

Commenta Stampa

Agropoli, 43 mila visite al Castello Angioino nel corso dell’estate


Agropoli, 43 mila visite al Castello Angioino nel corso dell’estate
08/10/2012, 11:35

Il Castello di Agropoli piace ai tedeschi. E non solo. Nel periodo da luglio a settembre sono stati 845 i turisti provenienti dalla Germania che hanno visitato gli spazi dell’antico maniero che domina la città dall’alto del promontorio, acquisito al patrimonio pubblico nel 2008 dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Franco Alfieri. Il Castello Angioino Aragonese si conferma grande attrattore turistico – culturale del territorio, così come viene attestato dai dati di accesso registrati nel corso del periodo estivo: 40811 presenze di italiani, 2417 di stranieri, per un totale di 43228 visitatori.

 

Nel dettaglio, le presenze degli stranieri sono così suddivise:1096 aluglio, 437 ad agosto,884 asettembre. Sul podio delle presenze estere tedeschi (845), francesi (359) e cechi (311), seguiti da inglesi (275), slovacchi (174), canadesi (92), polacchi (63), americani (62), olandesi (48), spagnoli (47), russi (46), svizzeri (21), belgi (15).

 

«Il Castello di Agropoli – commenta il sindaco Franco Alfieri – si sta rivelando punto di riferimento imprescindibile per l’offerta turistica territoriale, scelto da un numero sempre maggiore di visitatori, e premia la lungimiranza nell’aver voluto riconsegnare al patrimonio pubblico questo importante e prezioso bene storico – artistico, simbolo della nostra comunità. I dati degli accessi nel solo periodo estivo confermano un trend positivo, sia in termini quantitativi che qualitativi delle presenze. Tra l’altro la visita al castello è legata alla scoperta dell’intero borgo antico».

 

Aperto al pubblico tutti i giorni, ad ingresso gratuito, entrato recentemente nella rete dell’Istituto Italiano dei Castelli, ospita nel corso dell’anno importanti manifestazioni culturali ed artistiche, quali la rassegna letteraria “Settembre Culturale al Castello”, con ospiti di livello nazionale ed internazionale. In estate un servizio di accoglienza ha dato il benvenuto gratuitamente ai visitatori ed è stata attivata l’iniziativa “C’era una volta”, con il racconto ai bambini di antiche leggende, fiabe e storie di fantasia. E’, inoltre, sede distaccata dell’Ufficio Stato Civile del Comune di Agropoli ed è adibito alla celebrazione di matrimoni. Nel mese di settembre è stato location per la celebrazione di un matrimonio ebraico.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©