Politica / Regione

Commenta Stampa

Agropoli, inaugurazione nuova sede Liceo scientifico A. Gatto


Agropoli, inaugurazione nuova sede Liceo scientifico A. Gatto
04/02/2011, 14:02

Si è tenuta questa mattina la cerimonia di inaugurazione ufficiale della nuova sede del Liceo Scientifico “Alfonso Gatto”, alla presenza del presidente della Provincia di Salerno, on. Edmondo Cirielli, dell’assessore provinciale all’edilizia scolastica, Nunzio Carpentieri, del sindaco di Agropoli, Franco Alfieri, del dirigente scolastico, Pasquale Monaco, e del dirigente provinciale, Angelo Cavaliere.

A commentare l’evento, un momento storico per la città di Agropoli, è il sindaco Franco Alfieri, doppiamente orgoglioso perchè il progetto definitivo e il finanziamento dell’opera furono approvati dalla giunta provinciale nel 2004 quando ricopriva la carica di assessore provinciale ai lavori pubblici, dando un impulso decisivo alla realizzazione dell’istituto.

«Oggi è una giornata importante non solo per Agropoli, ma per l’intero comprensorio. Le istituzioni dovrebbero chiedere ufficialmente scusa per aver costretto i ragazzi e gli studenti per tantissimi anni a studiare in ambienti non dignitosi. L’ultimazione della nuova sede del Liceo Scientifico è il frutto della continuità amministrativa e della sinergia tra politica, enti, burocrazia ed impresa. Un ringraziamento particolare, quindi, lo rivolgo al dirigente provinciale Angelo Cavaliere, la cui competenza è superata solo dal suo coraggio, al presidente Cirielli, all’assessore Carpentieri e all’impresa che ha lavorato bene in tempi rapidi.

Sono state tante le battaglie – aggiunge il sindaco Franco Alfieri - che hanno attraversato più generazioni, per sollecitare la costruzione di questa nuova sede del liceo. Voglio ricordare, però, un ragazzo, Francesco Scarpa, scomparso prematuramente, chiedendo alla Provincia di lasciare un segno indelebile del suo ricordo attraverso l’intitolazione di uno spazio del nuovo liceo. Per il futuro, abbiamo già avviato con la Provincia l’idea progettuale per realizzare una cittadella studentesca trasferendo qui anche la sezione del liceo classico, adeguando la rete dei trasporti e con un collegamento pedonale all’impianto sportivo del Guariglia. Agropoli e l’intero comprensorio vogliono essere a tutti gli effetti una comunità d’Europa».

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©