Politica / Parlamento

Commenta Stampa

AL VIA IL PROGETTO EDUCATIVO GIOCHI GOLOSI


AL VIA IL PROGETTO EDUCATIVO GIOCHI GOLOSI
25/10/2008, 12:10

Sensibilizzare i giovani alla cultura del benessere psicofisico, valorizzare i giochi motori ed il rapporto con l’ambiente, allenare la creatività giovanile attraverso il gioco, aiutare i ragazzi a trovare nella socializzazione la propria autenticità, potenziare l’autostima attraverso la gratificazione collettiva, sviluppare le potenzialità espressive e comunicative attraverso linguaggi non verbali, cogliere il significato della competizione, intesa come confronto dei valori espressi. Sono questi gli obiettivi del progetto educativo ‘Giochi Golosi’ presentato questo pomeriggio alla S.M.S.Verga di Napoli nel corso di una conferenza stampa.

Il progetto, che mira a coinvolgere circa 10mila studenti della Regione Campania, prevede una fase di formazione sull’anoressia rivolta ai docenti delle classi interessate all’iniziativa, una fase educativo-didattica da sviluppare nelle classi che partecipano, una fase di formazione sull’alimentazione biologica rivolta ai docenti delle classi interessate (con pranzo biologico) ed una fase conclusiva che, per le scuole primarie e medie, porterà i ragazzi per una giornata presso L’Hippo Kampos Resort di Castelvolturno, mentre per le scuole superiori ci sarà una giornata presso la Chiesa di S. Maria alla Sanità.
All’incontro con i giornalisti parteciperà hanno partecipato il presidente dell’Associazione Giochi Golosi onlus, Gianni de Bury, il responsabile del Progetto educativo Giochi Golosi, Filippo Gomez Palma, Padre Antonio Loffredo – Direttore Ufficio pastorale del lavoro e attività sociali della Curia Arcivescovile di Napoli , Antonello Perillo – Giornalista Rai e componente del Comitato Scientifico, il dirigente scolastico della S.M.S. Verga, Anna Sellitto.
“L’iniziativa a carattere educativo Giochi Golosi s’innesta su un progetto più ampio che vede la città di Napoli protagonista dell’evento storico-culturale “C’era una volta a Napoli” che si terrà in Piazza Dante dal 4 all’8 dicembre 2008 – ha sottolineato De Bury. Il progetto educativo, pertanto, si stende cronologicamente lungo l’intero anno scolastico 2008/2009 ed è rivolto agli alunni delle scuole elementari, medie e superiori della Regione Campania (fasce di età 9/12 e 14/16)”.
Le prime 8 scuole di Napoli e le prime 8 delle altre provincie con studenti della fascia di età 9/12 anni che aderiranno al progetto, saranno invitate nei giorni 4 e 5 dicembre nel Borgo Antico realizzato in Piazza Dante per partecipare, con massimo due classi per scuola, a dei laboratori didattici ideati e attivati appositamente per le scuole in occasione dell’evento storico-culturale “C’era una volta a Napoli mentre le prime 3 scuole di Napoli e le prime 3 delle altre provincie con studenti della fascia di età 14/16 anni che aderiranno al progetto, saranno invitate nei giorni 4 e 5 dicembre nel Borgo Antico realizzato in Piazza Dante per partecipare, con massimo una classe per scuola, all’evento storico-culturale “C’era una volta a Napoli”, assumendo il ruolo di responsabili della sicurezza ed acquisendo, pertanto, il diritto di 1 credito formativo per il curriculum scolastico.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©