Politica / Parlamento

Commenta Stampa

ALEMANNO E' IL NUOVO SINDACO DI ROMA


ALEMANNO E' IL NUOVO SINDACO DI ROMA
28/04/2008, 20:04

 

Gianni Alemanno è il nuovo sindaco di Roma. Il candidato del Pdl vince con il 53,7%, mentre il candidato del centrosinistra Francesco Rutelli si è fermato al 46,3%.
E' questo il risultato che emerge dal voto per il ballottaggio alle elezioni comunali della Capitale. "E' una lunga battaglia che si conclude con una vittoria", é stato il primo commento dell'ormai sindaco in pectore Gianni Alemanno.
"Sarò il sindaco di tutti i romani. Il mio pensiero - ha aggiunto parlando nella sede del suo comitato elettorale - va anche a coloro che non mi hanno votato, una scelta che rispetto. Garantisco che sarò anche il loro sindaco, senza posizioni pregiudiziali". "Nella mia vita pubblica ho avuto molte soddisfazioni e successi. Oggi una sconfitta e una amarezza grande", sono state le prime parole di Rutelli che ha subito chiamato al telefono il suo avversario, facendogli gli auguri. "Elemento decisivo, sintesi della sfida, è stata - ha aggiunto Rutelli - la ventata della destra che per il Comune di Roma si è riassunta nella questione sicurezza. Ci sono state strumentalizzazioni, e anche pesanti, ma occorre riflettere molto seriamente sui limiti del centrosinistra in materia di sicurezza". Alemanno riesce così nella sfida che aveva mancato solo due anni fa contro Walter Veltroni. Allora il sindaco uscente si era attestato, al primo turno, al 61,4%, mentre Alemanno si era fermato al 37%. Per l'esponente del Pdl, tuttavia, la vittoria di oggi ha un significato più grande. "Si chiude una partita cominciata nel '93'', ha spiegato facendo riferimento alla sfida che allora vide Francesco Rutelli vittorioso, nella corsa al Campidoglio, contro Gianfranco Fini. "A Roma comincia una nuova fase - ha detto Alemanno - si volta pagina. Il sistema di potere che sembrava perfetto è crollato. Roma è una città fantastica, magnifica. Non ha vinto una sola parte di Roma ma tutta la citta". Al Comitato elettorale di Alemanno è subito cominciata la festa al grido di "Alemanno sindaco de Roma". Sono arrivati anche il leader di An Gianfranco Fini e Ignazio La Russa.Poi i sostenitori del candidato del Pdl hanno lasciato la sede del comitato, in via Salandra, vicino a via XX settembre, e in corteo si sono diretti a piazza del Campidoglio dove la festa è continuata, tra bandiere tricolore al grido di "Roma Libera". Un plauso ad Alemanno è arrivato anche dal leader del Pdl e premier in pectore Silvio Berlusconi. "Il mio primo pensiero di fronte alla storica vittoria di Alemanno, che per la prima volta porta il Popolo della Libertà alla guida della capitale d'Italia, è un grazie commosso ed entusiasta per gli elettori di Roma". "L'elezione di Alemanno - ha aggiunto il vice coordinatore di Forza Italia Fabrizio Cicchitto - è soprattutto la sconfitta politica di Veltroni e del suo 'modello Roma', oltre che la disfatta del sistema di potere guidato da Goffredo Bettini". "Il risultato per Roma è drammatico e ci preoccupa per il futuro della città. Esprimo la massima solidarietà a Rutelli, la responsabilità è comune e quindi è anche mia, ma è evidente che una grande responsabilità va alla strategia del Pd e a Veltroni", è stato invece il commento dell'ex segretario del Prc Franco Giordano. La Sinistra Arcobaleno ha sostenuto fin dal primo turno Rutelli, ma il suo apporto non è riuscito ad evitare
 
Commenta Stampa
di Giancarlo Borriello
Riproduzione riservata ©