Politica / Parlamento

Commenta Stampa

No a larghe intese

Alfano al Corriere della Sera, al voto non prima di 6 mesi

“Noi corriamo per vincere e governare”

Nella foto il segretario del Pdl Angelino Alfano
Nella foto il segretario del Pdl Angelino Alfano
26/08/2012, 12:38

ROMA  –  Il segretario del Pdl Angelino Alfano, in una lunga intervista al Corriere della Sera in edicola oggi, ha affermato che: “Nel Pd si e’ assistito al dibattito, ai miei occhi lunare, tra chi voleva una patrimoniale ordinaria e chi la voleva straordinaria. Il loro focus e’ innanzitutto su come rimettere le mani nelle tasche degli italiani”. Per Alfano “da un lato c’e’ chi, come il Pd, ha in mente una tradizionale politica ‘tassa e spendi’, con tasse alte e spesa alta. Dall’altro c’e’ chi, come noi, privilegia un’impostazione liberale di attacco al debito, di riduzione della spesa e delle tasse, e con un occhio sempre rivolto alla crescita e al rilancio dell’economia e del potere di spesa delle famiglie. E’ un’alternativa secca, che gli italiani comprenderanno bene”.

Quanto alle larghe intese, il segretario del Pdl e’ chiaro, rivolgendo una domanda retorica all’intervistatore: “Ma lei si immagina Silvio Berlusconi che guida una campagna elettorale che punta al pareggio? Noi corriamo per vincere e governare. Io credo che gli elettori debbano avere chiara l’alternativa tra due modelli, senza trucco e senza inganno”.

 “Siamo determinati a realizzare la nuova legge elettorale – sottolinea il segretario del Pdl -. Va fatta in tempi stretti”, Ma “non vedo alcun automatismo tra approvazione della legge elettorale  ed eventuali elezioni anticipate. Andremo al voto tra sei mesi nella chiarezza e nella distinzione delle squadre e dei programmi”.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©