Politica / Parlamento

Commenta Stampa

In realtà manca l'assenso di Tremonti, quindi è tutto fermo

Alfano: "L'assistenza informatica nei Tribunali riprende il 7 gennaio"

Il Ministro attacca Anm: "Contenti di denunciare lo sfascio"

Alfano: 'L'assistenza informatica nei Tribunali riprende il 7 gennaio'
06/01/2011, 09:01

ROMA - Parola del Ministro della Giustizia Angelino Alfano, è stata risolta il mancato finanziamento dei Tribunali per l'assistenza informatica: "Il problema è stato risolto. Il servizio riprenderà regolarmente dal 7 gennaio, ancora prima della piena ripresa del lavoro negli uffici giudiziari. Abbiamo sottoscritto le variazioni di bilancio necessarie per ottenere questo risultato, in attesa che il ministero dell'Economia - con la sensibilità che ha sempre dimostrato verso l'informatizzazione - assicuri anche il suo sostegno a questo essenziale servizio". Quindi adesso tutto dipende dal fatto se Giulio Tremonti accetterà o meno di firmare questi nuovi stanziamenti.
Ma nelle sue dichiarazioni il Ministro ha attaccato anche l'Anm: "Alcuni esponenti dell'opposizione e taluno della Anm hanno tifato per lo sfascio per potere accusare il ministro della Giustizia e il Governo di averlo creato. Si sono così improvvidamente e intempestivamente esposti, scommettendo sul nostro fallimento. Hanno perso la scommessa ancora una volta perchè questo Governo, sul piano dell'efficienza degli uffici, ha fatto tantissimo ed è difficile che qualcuno possa dargli lezioni".
A stretto giro di posta è arrivata la risposta dei magistrati, attraverso una nota: "Prendiamo atto con soddisfazione che, anche grazie all'allarme lanciato dalla magistratura associata e da singoli uffici giudiziari, sono state reperite le risorse necessarie a garantire l'assistenza informatica. Si tratterà di capire, però, in danno di quale altro settore della giustizia le risorse sono state reperite. In ogni caso, si tratta di soluzioni tampone che, se risolvono provvisoriamente un'emergenza, non offrono, tuttavia, reali prospettive per il futuro".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati