Politica / Regione

Commenta Stampa

La Mussolini protesta con un vassoio di cannoli

Alfano: ''Napoli capitale della lotta al crimine''


.

Alfano: ''Napoli capitale della lotta al crimine''
12/03/2010, 18:03

NAPOLI – Appare tranquillo Stefano Caldoro, forte degli ultimi sondaggi che lo danno avanti rispetto al concorrente Vincenzo De Luca. I dati sono stati presentati all’hotel Vesuvio di Napoli, alla presenza dei ministri Angelino Alfano e Mara Carfagna.

Corposo l’intervento di Angelino Alfano, che si è soffermato ad elencare i risultati raggiunti dal governo in termini di ambiente, sicurezza e vivibilità. Non poteva mancare il cavallo di battaglia del governo Berlusconi: la “liberazione” della città dalla spazzatura. “La sinistra, - aggiunge Alfano, - tende a disconoscere i nostri metodi. Per loro la spazzatura è evaporata”. Dichiarazioni che potrebbero far prudere le mani ai tanti campani che, tuttora, vivono accanto alle discariche a cielo aperto. Poi, ancora, si è parlato di sicurezza, con lo sbandieramento del famoso dato degli “8 arresti al giorno”. Risultati, spiega il Guardasigilli, ottenuti grazie ad un lavoro di squadra che comprende politici, forze dell’ordine e magistratura.

Importante anche dal punto di vista simbolico, ha spiegato ancora Alfano, la scelta di eliminare il patrocinio gratuito che era prima concesso ai boss della malavita organizzata nel caso risultassero nullatenenti. “Il patrocinio, - dice, - lo abbiamo dato gratuitamente alle vittime di violenza sessuale”.

Dito puntato, ovviamente, contro la sinistra, colpevole secondo Alfano di eccessivo immobilismo. “Noi della moralità degli inconcludenti ce ne facciamo poco, - spiega, - apprezziamo chi mette le mani nel forno senza sporcarsele di farina, non chi non le mette proprio”.

Mara Carfagna punta i riflettori sul lavoro fatto a favore delle donne, come la legge contro lo stalking, e prima della conferenza stampa si sofferma, nel dettaglio, sui dati delle lotte alle mafie: quello attuale, dice, è il governo che più ha fatto in questo settore.

Il Guardasigilli ha parlato delle possibilità di sviluppo che si aprirebbero alla Campania con l’elezione di Stefano Caldoro. “Il governo, - ha detto Alfano, - ha fatto tanto per Napoli pur avendo a che fare con un governatore di un altro colore. Con una regione ed il governo dello stesso colore, i risultati sarebbero ottimi”.

Infine, una promessa: un piano straordinario che favorisca l’efficienza degli uffici giudiziari. Il Guardasigilli, annunciando che presto tornerà a Napoli per incontrare l’avvocatura e i vertici degli uffici giudiziari, ha spiegato che esiste già un progetto del Governo che prevede investimento tecnico e di risorse economiche”.

Non è mancato il siparietto di colore. L’onorevole Alessandra Mussolini, prima dell’inizio dei lavori, ha portato un vassoio di cannoli in senso di protesta contro il ministro Alfano. Il motivo lo ha spiegato subito dopo a Caldoro: “Alfano ha invitato tutti tranne me, - ha detto, - vengo, porto i cannoli e me ne vado”. Un episodio che, successivamente, il candidato del Pdl ha sminuito, relegandolo ad una ricerca di visibilità da parte del candidato.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©