Politica / Politica

Commenta Stampa

Per Alfano bisogna abolire Imu e tasse sull'assunzione

Alfano: "Speranze di ripresa per seconda metà 2013"

Importanti anche i consumi e gli investimenti

Alfano: 'Speranze di ripresa per seconda metà 2013'
02/06/2013, 14:44

ROMA - Il vicepremier e ministro dell’Interno Angelino Alfano è convinto che la scelta del presidenzialismo, con l’elezione diretta del presidente della Repubblica, sia la soluzione migliore per garantire la partecipazione democratica dei cittadini alla vita politica del Paese, come accade in Francia e in America, e per aumentare il loro legame con le istituzioni. “Noi ci abbiamo provato l'anno scorso e purtroppo siamo riusciti solo al Senato e non alla Camera. Adesso – ha dichiarato Alfano – penso che potremo farcela perché anche da parte del Pd si stanno aprendo significativi spiragli”.

Il ministro dell’Interno, al termine della parata per la festa della Repubblica, ha parlato con i giornalisti anche degli interventi che secondo lui possono garantire la ripresa economica a partire già dalla seconda metà del 2013. Tali interventi prevedono una maggiore attenzione per l’occupazione giovanile, la ripresa dei consumi e delle agevolazioni per gli investimenti.

“Noi dobbiamo dare lavoro ai giovani e abbiamo una ricetta che può immediatamente offrire la possibilità che questo lavoro si crei, e cioè zero tasse per gli imprenditori che assumono giovani disoccupati. Chi assumerà questi ragazzi insomma non dovrà pagare quelle tasse che fin qui hanno rappresentato un disincentivo all'assunzione”. Il vicepremier ha poi continuato: “Inoltre, attraverso le politiche fiscali di detassazione, come nel caso dell'eliminazione dell'Imu, o di non appesantimento fiscale, come il non aumento dell'Iva, si può ambire a una ripresa dei consumi che è capace a sua volta di generare nuova intrapresa”. Infine, per quanto riguarda gli investimenti e le semplificazioni, Alfano ha detto: “Chi ha degli euro in tasca e vuole investire deve poterlo fare immediatamente senza incorrere nei lacci e nei lacciuoli della burocrazia”. “Se queste azioni funzioneranno – ha concluso il ministro dell’Interno – noi potremmo avere una bella speranza per la seconda metà del 2013”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©