Politica / Parlamento

Commenta Stampa

ALITALIA, BOSSI: “I SINDACATI FARANNO UN PASSO INDIETRO”


ALITALIA, BOSSI: “I SINDACATI FARANNO UN PASSO INDIETRO”
21/09/2008, 14:09

“Secondo me faranno un passo indietro i sindacati e noi ce lo auguriamo, perché per Malpensa arriveranno sì i tedeschi di Lufthansa ma ci serve anche Alitalia”: lo ha detto Umberto Bossi, ministro delle Riforme e segretario della Lega Nord, interpellato su Alitalia a Varese a margine della festa per i 120 anni del quotidiano "La Prealpina". Quanto alle responsabilità del fallimento della trattativa con la Cai, Bossi ha una certezza: “Chi ha sbagliato? I sindacati hanno sbagliato, non era una trattativa normale, era un prendere o lasciare e loro non lo hanno capito”. Il commissario straordinario di Alitalia, Augusto Fantozzi, continua intanto la sua azione di esploratore per individuare alternative al progetto di Cai per il momento naufragato, per l'opposizione di sei sigle sindacali. Martedì verrà pubblicata su tre giornali italiani e su un quotidiano finanziario internazionale una sollecitazione a presentare, entro il prossimo 30 settembre, manifestazioni di interesse da parte di soggetti in grado di garantire la continuità del servizio per uno o più rami di azienda del gruppo Alitalia. Secondo quanto si apprende i soggetti interessati, partendo dalla situazione normativa già garantita dal Governo nel corso della trattativa con Cai, dovranno inviare manifestazioni di interesse dettagliate per i settori nei quali si articola il gruppo Alitalia (spa, airport, express, servizi e Volare) individuando anche il numero dei dipendenti coinvolti nel progetto.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©