Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Tra i temi centrali il lavoro, coesione sociale e giovani

Alle 20 Letta chiede la fiducia alle Camere

I dissidenti Puppato e Civati del PD voteranno la fiducia

Alle 20 Letta chiede la fiducia alle Camere
29/04/2013, 10:02

ROMA - Il nuovo premier Enrico  Letta oggi dovrà superare la prova del voto di fiducia, dopo che anche gli ultimi “mohicani” del PD come la Puppato, Gozi e Civati hanno lasciato intendere che alla fine voteranno la fiducia al vicesegretario del loro partito.  Potrebbe essere il discorso alle Camera ,atteso per oggi, a scongelare definitivamente le resistenze dei dissidenti all’interno del PD, anche se nel PDL non mancano dichiarazioni di “fiducia condizionata” all’inserimento nel programma di punti qualificanti come l’abolizione dell’IMU sulla prima casa.

Letta si sta muovendo in completa sintonia con Napolitano. A parte alcuni controversi capitoli economici, per esempio quello dell'Imu, sui quali non è ancora chiaro come Palazzo Chigi intenda procedere, sugli altri temi caldi dell'emergenza italiana i due hanno verificato una «sintonia naturale» tra loro, come spiegano sul Colle. Al centro del programma di governo ci saranno sopratutto il lavoro, la coesione sociale, il futuro dei giovani, il ruolo della finanza, tutti temi ampiamente trattati dall'agenzia Arel (fondata da Nino Andreatta, di cui Letta è promotore , non a caso citata da Napolitano).

Il premier, rifacendosi alle parole pronunciate sabato da Napolitano, marcherà di connotazione politica il suo mandato. Un modo per vincolare alla "responsabilità" i partiti che , davanti a lui, ma soprattutto davanti al capo dello Stato,si sono assunti l'impegno di sostenerlo. Attorno al ruolo prioritario dei principali partiti ruoterà l’efficacia dell’esecutivo, con il presidente della Repubblica pronto a venire in soccorso a questo primo tentativo di coabitazione governativa tra centrosinistra e centrodestra.

 

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©