Politica / Parlamento

Commenta Stampa

La mozione Bersani appoggiata da Bassolino supera il 50%

Alle primarie del PD campano trionfa Amendola


Alle primarie del PD campano trionfa Amendola
27/10/2009, 13:10

Le primarie in Campania incoronano Enzo Amendola come segretario regionale del Partito Democratico. L’esponente della mozione Bersani ha raccolto intorno al 50 per cento mentre, il concorrente della mozione Franceschini, Leonardo Impegno, si ferma sul 25. In ultimo e per ultimo  Franco Vittoria che, per la mozione Marino, si avvicinerebbe al 10.
Quest’ultimo dato, se confermato, sarebbe superiore alle previsioni e carico di significato politico anti-Bassolino sebbene nelle fila dei mariniani vi fossero tanti ex bassoliniani. In Campania si sono recati a seggi e gazebo in 230mila circa, ovvero quasi la metà di quanti andarono a votare alle primarie di due anni fa quando vinse qui Tino Iannuzzi della mozione Veltroni: la disaffezione nei confronti dell’intero sistema politico sembra evidente, poi si sono aggiunte la giornata non proprio assolata e la disorganizzazione sul territorio. Quindi la corrente di Bassolino si conferma egemone nel PD.
Le primarie campane sono state caratterizzate da file lunghissime in alcuni casi, risse in altri, poche schede ai seggi, denunce di condizionamenti da parte della camorra. Così si è svolta la domenica di primarie a Napoli dove si è registrata un’affluenza inferiore al passato. Tafferugli e schede annullate nel quartiere a nord di Napoli, Piscinola, dove è intervenuta la Digos per provare a riportare la calma: le votazioni sono state bloccate e centinaia di elettori sono stati rimandati a casa. Tensione si è registrata anche in una zona vicina, a Marianella, dove il presidente del seggio si è accorto che le schede blu arrivate appartenevano a un altro collegio, il che ha permesso a pochi di votare.
Sorpresa a Castellammare di Stabia, dove è arrivato il leader uscente Dario Franceschini, nella sede del partito scossa dalla vicenda del consigliere comunale Tommasino e dalla storia del suo killer poi risultato tra gli iscritti. Infine, la denuncia del commissario della sezione di Torre Annunziata, Aldo Cennamo di partecipazioni al voto da parte di parenti stretti della famiglia Sarno. Sulla stessa scia anche Franco Nardi coordinatore della mozione Franceschini sull’area di Ponticelli.

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©