Politica / Regione

Commenta Stampa

Alvino: nomine al Comune di Napoli vergognose


Alvino: nomine al Comune di Napoli vergognose
30/05/2010, 12:05

"Nessuna sorpresa ma molta indignazione sulle nomine nei Consigli di Amministrazione delle società partecipate del Comune di Napoli, cui sta procedendo in questi giorni il Sindaco Iervolino" dichiarano in una nota congiunta i consiglieri comunali dell'Unione di Centro - UDC Federico Alvino, Fabio Benincasa, Roberto De Masi e Rosario Giudice.

"Nessuna sorpresa - dichiarano gli esponenti del partito di Casini - perchè era chiaro che il valzer delle nomine nelle Partecipate sarebbe stato il prezzo scellerato pagato ad una maggioranza rissosa e inconcludente per approvare l'ultimo bilancio di previsione di questa Amministrazione ormai giunta al capolinea".

"Tanta indignazione, invece, perchè il Comune di Napoli, mentre l'intero Paese è alle prese con un generale tentativo di riduzione dei costi della Politica, nomina allegramente Consigli di Amministrazione infarciti di ex amministratori fuori gioco, i cosiddetti "trombati", improbabili Direttori Generali e Presidenti senza nessuna competenza specifica nel settore per il quale sono chiamati a prestare la loro attività, uomini per tutte le stagioni che hanno un'unica caratteristica: essere fedeli ad un sistema di potere bassoliniano oramai decaduto".

"Colpisce l'arroganza di una classe dirigente che ignora la necessità di radicale rinnovamento nella gestione della cosa pubblica, come se le elezioni Provinciali e Regionali non avessero insegnato nulla: a questo punto ci auguriamo che il Governo, mentre si appresta a varare norme per annullare le delibere per spese clientelari di un miliarodo di euro fatte dalla Giunta Bassolino negli ultimi mesi di campagna elettorale, trovi una soluzione tecnica per annullare tutte queste nomine, inutili rispetto al miglioramento della qualità dei servizi e della vita dei cittadini napoletani" concludono i 4 consiglieri comunali dell'UDC.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©