Politica / Regione

Commenta Stampa

Amato: "Istituzioni siano vicine a donne associazione Arca"


Amato: 'Istituzioni siano vicine a donne associazione Arca'
01/10/2010, 13:10


NAPOLI - «Esprimo la solidarietà mia e dell’intera commissione alle donne dell’Associazione ARCA di Catel Volturno il cui centro è stato vittima di una ignobile azione vandalica» lo afferma il presidente della Commissione regionale sui Beni Confiscati Antonio Amato, dopo aver appreso della notizia della distruzione di computer e suppellettili del Centro Arca a Castel Volturno negli appartamenti confiscati a Rodolfo Statuto «Le indagini chiariranno le motivazioni di questo gesto. Di certo, sembra trattarsi di un gravissimo atto intimidatorio verso il quale bisogna mantenere un’altissima attenzione. Sia il fatto che si tratta di un luogo in passato nei possedimenti della camorra, sia le attività di integrazione tra bambini extracomunitari e italiani svolte dall’Associazione, che da anni opera per favorire la convivenza pacifica tra migranti e autoctoni a partire dai più piccoli, fanno palesare scenari inquietanti. Che la motivazione sia da ricercarsi in un “avvertimento” dei clan, o piuttosto abbia una radice razzista, l’azione vandalica realizzata resta un atto gravissimo ed estremamente preoccupante. Le Istituzioni» continua Amato «devono ora stare accanto a queste donne e non lasciarle sole. Di certo, si manifestano due problemi di fondo che vanno affrontati: da un lato bisogna lavorare senza sosta per eliminare i rigurgiti razzisti che stanno invadendo alcuni nostri territori. E, in questo senso, non è più tollerabile che rappresentanti delle istituzioni soffino sul fuoco della questione migranti. Dall’altro lato» continua Amato «c’è la necessità di garantire la sicurezza di quanti assumono l’onere della gestione di un bene confiscato. Un aspetto centrale che affronteremo anche con il Direttore dell’Agenzia Nazionale per i beni confiscati, il Prefetto Morcone, ed il Presidente Caldoro nel corso di un’audizione che si terrà nelle prossime settimane presso la Commissione».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©