Politica / Regione

Commenta Stampa

Amato: "Zinzi appoggia le ragioni dei manifestanti ma dall'Asl non scende nessuno"


Amato: 'Zinzi appoggia le ragioni dei manifestanti ma dall'Asl non scende nessuno'
19/07/2011, 14:07

«Una grande manifestazione di libertà e rivendicazione dei diritti insieme a Marco Cavallo, il quadrupede azzurro di cartapesta simbolo della liberazione dalle logiche manicomiali, giunto da Trieste fino a Caserta per accompagnare questa battaglia di civiltà» E’ il commento del Presidente della commissione regionale sui beni confiscati Antonio Amato che questa mattina, insieme al capogruppo regionale del PSE Gennaro Oliviero, ha partecipato alla manifestazione indetta dalla consulta del III settore di Caserta per protestare contro la progressiva chiusura dei progetti terapeutici individuali sostenuti da budget di salute, lo strumento sperimentato da alcuni anni dall’Asl di Caserta per garantire il diritto alla cura e alla cittadinanza dei più deboli. La manifestazione si è svolta dalla Reggia vanvitelliana fino al palazzo dell’Asl, sostando al palazzo della provincia dove c’è stato un fitto dialogo con il Presidente Zinzi. Tra le diverse cooperative presenti, “La forza del Silenzio” che lavora con ragazzi autistici nella ex casa di Sandokan a Casal di Principe, “Eureka” che coltiva i pescheti confiscati oggetto nelle scorse settimane di intimidazioni della camorra, “Omnia Onlus” che gestisce la Nuova Cucina Organizzata, “Al di là dei sogni” che lavora anche con persone uscite dagli OPG sul bene intitolato ad Alberto Varone a Sessa Aurunca. «Tutte esperienze straordinarie che oggi, per le azioni di ASL e comuni, rischiano di chiudere» commenta Amato. Ad accompagnare le centinaia di cooperatori, di disabili, di ragazzi dei campi estivi di Libera, la musica della banda e gli striscioni con gli slogan “ASL di Caserta: dentro il cavallo, fuori gli asini” e “non facciamo un regalo alla camorra, approviamo i budget di salute”.«E’ stato straordinario vedere centinaia di ragazzi rivendicare in modo festoso ma convinto i diritti alla cura che oggi assurdità burocratiche ed oscuri interessi vogliono negare» afferma Amato «I budget di salute determinano risultati straordinari, anche in termini di risparmio della spesa sanitaria regionale e sono il filo rosso delle migliori esperienze di riutilizzo dei beni confiscati. Per questo è criminale metterli in discussione. Tuttavia si preferisce fare gli asini. Per questo» dice il Presidente della Commissione regionale «con il consigliere Oliviero stiamo decidendo azioni di protesta anche in aula consiliare: sono mesi che si attende la discussione dell’apposito progetto di legge già presentato, ma stiamo incontrando incomprensibili ostracismi. Di certo è stato molto positivo oggi verificare l’interessamento e l’appoggio del Presidente Zinzi». Nel corso della manifestazione, infatti, il presidente della Provincia di Caserta Domenico Zinzi, sceso a dialogare con i manifestanti insieme all’assessore all’agricoltura Corvino, ha garantito il pieno sostegno alle ragioni portate dai cogestori di budget, impegnandosi a «interessare il consiglio provinciale e riuscire a trovare un via di dialogo con l’ASL che garantisca la possibilità di continuare queste esperienze». Diverso, invece, l’atteggiamento degli uffici dell’ASL, in realtà semideserti pure in un giorno feriale «Certo è sconcertante verificare il muro di gomma che continua ad opporre l’azienda sanitaria che pure dovrebbe essere la prima sostenitrice di questo sistema» dice ancora Amato «Ma la bella giornata di oggi, l’interessamento vivo dei cittadini di Caserta, la partecipazione massiva e convinta, dovranno avere una risposta certa. Senza più scaricabarili tra ASL e comuni. Quello dei budget di salute» conclude Amato «E’ un sistema che sarebbe assurdo smantellare. C’è allora bisogno di responsabilità, e richiamo anche il Presidente della Regione Caldoro, in quanto commissario alla sanità, a dare seguito, al comma inserito nella sua finanziaria che sostiene per tutto il 2011 i budget di salute»

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©