Politica / Politica

Commenta Stampa

Amendola e Marciano (PD): "sviluppo non è priorità regione"


Amendola e Marciano (PD): 'sviluppo non è priorità regione'
13/02/2012, 10:02

"Le parole crescita e sviluppo non appartengono al vocabolario della giunta regionale. L’unica cosa che siamo costretti a subire e’ il silenzio sul futuro industriale e produttivo della Campania in un periodo di forte recessione economica" a dichiararlo in una nota congiunta sono Enzo Amendola, segretario regionale del Pd Campania, e Antonio Marciano, consigliere regionale e capogruppo Pd in Commissione attivita’ produttive.

"Gli appelli che in questi mesi stanno arrivando a Stefano Caldoro e alla sua maggioranza continuano a cadere nel vuoto. Oggi anche Confindustria in maniera chiara e netta, con le parole di Giorgio Fiore, - aggiungono Amendola e Marciano - accusa la Regione di immobilismo, di inefficacia nella programmazione dei fondi e della mancata stesura di un piano per lo sviluppo che aiuti le imprese e i lavoratori in difficoltà. Una lettera condivisibile nel merito dei rilievi e nelle critiche".

"Il Pd sta incontrando lavoratori e imprenditori, ascoltando le loro ragioni e mettendo in campo proposte e progetti. Ieri, non da ultimo, abbiamo parlato con le Rsu Firema, nelle scorse settimane e’ stato il turno di Irisbus, Fincantieri e del comparto Finmeccanica con le quali, tra l’altro, ci rivedremo su nostra iniziativa martedi’ in Commissione lavoro al Consiglio regionale" spiegano Amendola e Marciano.

"Da tempo sollecitiamo la giunta regionale e, in particolare, il presidente Caldoro  a dare risposte definitive sul destino dei contratti di programma, la reale consistenza dei fondi del Paser, la costituzione di agenzia unica di sviluppo regionale, e la situazione debitoria che la Regione ha nei confronti di centinaia di imprese campane" continuano Amendola e Marciano.

"E la Regione? Continua ad essere assente nella proposta politica e fisicamente ai tavoli delle vertenze, alimentando un inquietante paradosso. Mentre il governo nazionale Monti, con i ministri Passera e Barca, punta sul Mezzogiorno e sul rilancio delle industrie al Sud come unica strada per dare ossigeno l’economia italiana - concludono Amendola e Marciano - Caldoro l’assessore regionale Sergio Vetrella rimangono alla porta, sperando che il tempo e altri possano risolvere qualcosa".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©