Politica / Regione

Commenta Stampa

Amministrative, ass. Ermanno Russo: "Non strumentalizzare la sofferenza per fini elettorali"


Amministrative, ass. Ermanno Russo: 'Non strumentalizzare la sofferenza per fini elettorali'
01/04/2011, 14:04

Rivolge un appello a candidati e partiti impegnati nell'imminente tornata elettorale per il voto amministrativo di maggio l'assessore regionale all'Assistenza sociale, Demanio e Patrimonio, Ermanno Russo. Lo fa firmando un intervento nella rubrica “In fondo, in fondo” del suo sito internet (www.ermannorusso.it), in cui chiede di “non strumentalizzare la sofferenza per fini elettorali”.
“Con una campagna elettorale alle porte, che peraltro coinvolge grandi Comuni ed una nutrita fetta di popolazione, aumenta sensibilmente – scrive l'esponente Pdl – il rischio di strumentalizzazioni di varia natura. Strumentalizzazioni e, in qualche caso, distorsioni che qualora dovessero riguardare le fasce cosiddette deboli della società si rivelerebbero volgari e pericolose”.
“Dico volgari – prosegue il componente della giunta Caldoro – perché finirebbero per utilizzare speciosamente e al solo fine di accrescere un consenso personale o di partito la sofferenza che è evidente in talune realtà del centro come della periferia di grandi e piccoli comuni, alimentando delle aspettative che sono destinare ad essere disattese e che al povero cittadino, già disagiato per conto suo, procurano un ulteriore stress psicologico, oltre che un deficit di fiducia nei confronti della politica e delle istituzioni difficilmente recuperabile in seguito”.
“Ma tali strumentalizzazioni risulterebbero anche estremamente pericolose – conclude Ermanno Russo –, perché contribuirebbero ad alimentare un esasperato clima di tensione sociale, che qui in Campania ha già accompagnato l'avvio di processi di rinnovamento politico-culturale e che tuttora resta strisciante, pronto a ripiombare da un momento all'altro appena qualche pretenziosa promessa di un possibile miglioramento economico o occupazionale dovesse poi rivelarsi, come già accaduto, una mera illusione. La forza di una proposta politica di governo del territorio si misura oggi con la capacità di organizzare un modello d'azione calato nel contesto socio-economico della città che ci si candida ad amministrare, tenendo sempre presenti ricadute, margine di successo e rischio di fallimento. E' questa la vera sfida che le coalizioni ed i candidati al governo delle città hanno davanti. Occorre dunque usare il metodo della chiarezza nell'interloquire con i propri elettori e non cedere alla tentazione di proporre progetti di cui non si conoscano con esattezza tempi di realizzazione, costi e fattibilità”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©