Politica / Politica

Commenta Stampa

Non c'è il pienone per Grillo e Berlusconi

Amministrative, i leader chiudono la campagna a Roma

Epifani e Zingaretti con Marino a piazza San Giovanni

Amministrative, i leader chiudono la campagna a Roma
24/05/2013, 21:12

ROMA - Le piazze e i luoghi simbolo della capitale ospitano la serata conclusiva della campagna elettorale per il sindaco e l'Assemblea capitolina. Berlusconi sarà con Alemanno al Colosseo, il candidato Pd Marino a piazza San Giovannni con Epifani e Zingaretti. De Vito (M5S) avrà Grillo al suo fianco in piazza del Popolo. Santa Maria in Trastevere la piazza scelta da Medici, mentre Marchini è al parco Schuster. Finora scarsa la partecipazione: circa tremila persone per Berlusconi con Alemanno, piazza piena a metà per Marino.

I fari della politica sono puntati sulle elezioni capitoline ma questa tornata di amministrative chiamerà al voto circa 7 milioni di italiani e rappresenta un primo esame post-politiche un po’ per tutte le forze politiche. Stasera era la giornata dei comizi finali, poi alle 24 scatterà il silenzio elettorale e da domenica mattina si apriranno i seggi. Si vota dalle 8 alle 22, e lunedì 27 maggio, dalle 7 alle ore 15. Turno di ballottaggio per l'elezione dei sindaci, domenica 9 giugno, dalle 8 alle 22, e lunedì 10 giugno, dalle ore 7 alle ore 15. Nelle regioni a statuto ordinario e nella regione Sardegna si svolgeranno le elezioni del sindaco e del consiglio comunale di 564 comuni (di cui 2 capoluoghi di regione: Ancona e Roma, e 14 capoluoghi di provincia: Avellino, Barletta, Brescia, Iglesias, Imperia, Isernia, Lodi, Massa, Pisa, Siena, Sondrio, Treviso, Vicenza e Viterbo) nonchè dei consigli circoscrizionali. Le operazioni di scrutinio avranno inizio lunedì 27 maggio, subito dopo la chiusura della votazione e l'accertamento del numero dei votanti. Nei Comuni con popolazione superiore a 15 abitanti, la scheda reca i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di sindaco, scritti entro un apposito rettangolo, al cui fianco sono riportati i contrassegni della lista o delle liste con cui il candidato è collegato. L'elettore stavolta potrà manifestare non più di due voti di preferenza per candidati alla carica di consigliere comunale, scrivendo, nelle apposite righe stampate sotto ogni contrassegno di lista, i nominativi (solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome e, ove occorra, data e luogo di nascita) dei candidati preferiti appartenenti alla lista prescelta, avendo però presente che, nel caso di espressione di due preferenze, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l'annullamento della seconda preferenza. Per il ballottaggio il voto si esprime tracciando un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato sindaco prescelto. Le elezioni in 564 comuni di regioni a statuto ordinario e della regione Sardegna interesseranno 6.895.701 elettori, di cui 3.305.273 maschi e 3.590.428 femmine. Le sezioni elettorali complessive saranno 7.964. Le elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale della Valle d'Aosta si svolgeranno esclusivamente nella giornata di domenica 26 maggio. I seggi saranno aperti dalle ore 7 alle ore 22. Gli aventi diritto al voto sono 102 mila 628 (52 mila 472 donne e 50 mila 156 uomini). Nei 74 Comuni della Valle verranno allestiti 151 seggi. Ad Aosta le sezioni sono 38. Gli scrutini inizieranno lunedì 27 maggio a partire dalle ore 8.

 

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©