Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Ancora dubbi sul Gra. Salerno-Reggio Calabria, ticket

Anas: tutte le autostrade a pagamento


Anas: tutte le autostrade a pagamento
30/09/2010, 14:09

Da maggio 2011 tutte le autostrade si pagheranno. Infatti ci sarà un pedaggio per transitare su autostrade e raccordi autostradali gestiti direttamente dall'Anas, 25 tratte per un totale di 1.317 chilometri sparsi da nord a sud. Dopo mesi di polemiche politiche, ricorsi e contro-ricorsi alla giustizia amministrativa, la Camera ha infatti dato oggi il via libera al ddl che ha convertito il decreto legge 5 agosto 2010 n. 125 e che, oltre a contenere aiuti alla Tirrenia, approva i pedaggi. Anche se il provvedimento varato oggi a Montecitorio non entra nel merito - tecnicamente in uno dei prossimi Consigli dei Ministri il governo dovrà emanare un decreto attuativo che stabilisca quali tra le 25 tratte saranno a pagamento e con che modalità - l'Anas è naturalmente già pronta ad introdurre i pedaggi su tutte le tratte in questione, avendo bandito lo scorso settembre una gara da 150 milioni per la fornitura e la messa in opera delle strutture che consentiranno il pagamento dei pedaggi su raccordi e autostrade. Come stabilito dal bando, in via generale i partecipanti dovranno presentare entro oggi dei progetti con un "sistema di esazione dinamico senza barriere", tipo Telepass o bollino da apporre sui mezzi. La sottoscrizione del contratto è prevista entro fine febbraio 2011, ma potrebbe essere anticipata per sveltire i lavori di installazione.
Nel caso del Grande raccordo anulare di Roma, inserito tra le tratte sulle quali la prossima primavera partiranno i pedaggi, i contrari al provvedimento (in testa il sindaco della capitale Gianni Alemanno, appoggiato da diversi deputati 'romani' del Pdl che hanno presentato un ordine del giorno sul tema) hanno proposto che il pagamento venga adottato non per chi transita sul Gra 'Roma su Roma' per raggiungere le diverse zone della città, ma solo per chi percorre le 'bretelle' che collegano il Raccordo alle autostrade circostanti e, in questo caso, con sconti per i pendolari che vivono fuori la capitale. Quella del Gra è così ancora una partita aperta anche perchè, come spiega Giacomo Terranova, deputato Pdl e uno dei relatori del ddl votato oggi, sul Raccordo di Roma "il governo dovrà trovare un punto di equilibrio, essendo un tema trasversale e sentito da diversi schieramenti politici".
I costi dei pedaggi saranno decisi una volta che il decreto attuativo stabilirà le future tratte a pagamento. La decisione finale spetterà al Ministero dei Trasporti, che si esprimerà sulla base di una proposta dell'Anas che contempla diverse variabili (dalla lunghezza chilometrica della strada in questione ai costi di manutenzione).
Il modello sarà quello già in uso per determinare i costi dei pedaggi di Autostrade.
Di seguito le autostrade Anas (totale 953,8 km) per le quali sono previsti i pedaggi: A3 Salerno-Reggio Calabria; diramazione di Catania; A19 Palermo-Catania; A19 Dir. diramazione per Via Giafar; A29 Palermo-Mazara del Vallo; A29 Dir. Alcamo-Trapani; A29 Dir./A Diramazione per Birgi; A29 Racc. Diramazione per Punta Raisi; A29 Racc. Bis Raccordo per Via Belgio; A91 Roma-Aeroporto di Fiumicino; A90 Grande raccordo anulare; Catania-Siracusa. Questi invece i raccordi autostradali Anas (totale 362,9 km): Salerno-Avellino; Siena-Firenze; raccordo autostradale Reggio Calabria; Scalo Sicignano-Potenza; Bettolle-Perugia; Ferrara-Porto Garibaldi; raccordo autostradale di Benevento; Torino-Aeroporto di Caselle; Ascoli-Porto d'Ascoli; Chieti-Pescara; A4-Trieste; A4 Trieste-diramazione per Fernetti; tangenziale ovest di Catania.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©