Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Un altro punto di vista da cui guardare l'accaduto

Ancora una prova che mostra la falsa aggressione a Berlusconi



Ancora una prova che mostra la falsa aggressione a Berlusconi
09/01/2010, 18:01

Sarà che sono testardo, ma io non mi fermo. E se ci sono ulteriori prove che mostrano una certa cosa, io le condivido con voi. In questo caso non è una vera prova. E' un video già conosciuto (quello mostrato su RAI News 24), ma si tratta di guardarlo con attenzione. Permettete che vi guidi.
Le immagini del video all'inizio sono velocizzate, poi quando rallentano, si può notare Berlusconi che si gira verso la sua destra e dà un colpetto di gomito alla guardia del corpo dietro di sè. E' il classico gesto con cui si stabilisce il "contatto visivo". Cioè per dire: "Io ti vedo, tu mi vedi?". Pochi istanti dopo appare una persona di spalle che, a giudicare dalla struttura fisica e dalla barba che si vede sul volto, sembra essere il Ministro della Difesa Ignazio La Russa. Quest'ultimo tocca la schiena di una delle guardie del corpo, che alza il braccio, come a chiamare qualcuno (Nel video esce scritto "Ehy, siamo qui", ed effettivamente è qualcosa del genere quel gesto). Dopo di che appare un gesto che mi è stato segnalato da tante persone ma a cui io finora non ho dato peso: il microfonista - che inspiegabilmente sta tra la gente, mai vista prima una cosa del genere - che fa un cenno del capo guardando verso Tartaglia. A quel punto Tartaglia solleva qualcosa, lo tiene in bella vista per almeno 4-5 secondi e poi lo lancia. Ecc. ecc. Finora non avevo dato peso al gesto del microfonista perchè è abbastanza impercettibile e può essere un gesto naturale. Inoltre non può essere delegato un segnale ad una persona lontana da Berlusconi, perchè è evidente che il premier, nella mia idea di falsa aggressione, doveva essere necessariamente avvertito, concorde e pronto a fingere iin quel momento. Ma se è una catena partita da Berlusconi e di cui Tartaglia è l'ultimo anello, allora le cose cambiano. E tantissimo.
Sinceramente, mi piacerebbe che la magistratura, che sta indagando sui fatti, cominci a guardare le cose da tutti i punti di vista. Infatti Tartaglia è psicolabile, ma è una persona già conosciuta dal Giornale di Vittorio Feltri, che tempo fa fece un articolo su di lui nel suo ruolo di inventore un po' balzano. Sia ben chiaro, le prove che ho, sono filmati presi da Internet, documenti ufficiali come il certificato medico e le foto scattate a Berlusconi; il tutto interpretato nella maniera più logica. Ma il fatto che Libero abbia messo un articolo in cui ammette che Berlusconi non ha un graffio 48 ore dopo l'uscita al centro commerciale, quando è uscito in giro con una benda che gli copriva mezza faccia, vuol dire che ci sono solo due ipotesi: o Berlusconi ha ritenuto che non ce ne fosse più bisogno; oppure ritiene gli italiani così idioti da credere a tutto. E a giudicare dai commenti che mi sono arrivati, propendo per la seconda.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©