Politica / Napoli

Commenta Stampa

Andrea Santoro (FLI): «Assurda la posizione della Soprintendenza in difesa delle Vele"


Andrea Santoro (FLI): «Assurda la posizione della Soprintendenza in difesa delle Vele'
31/08/2012, 12:31

Napoli, il capogruppo di FLI in consiglio comunale Andrea Santoro ha rilasciato la seguente dichiarazione     «Trovo sconcertante l'ennesimo uscita del Soprintendente Gizzi in difesa di un presunto valore culturale delle Vele di Scampia».
    «Il valore culturale di un manufatto di recente costruzione può essere avulso dal valore sociale in esso incarnato? Si può dare un giudizio architettonico guardando le Vele senza tenere conto delle tristi emozioni che quegli edifici suscitano? Le Vele sono il simbolo del degrado, sono l'emblema della più grande piazza di spaccio di droga d'Europa, sono lo scenario cupo di violenze subite spesso da minori a cui è stato negato il diritto all'infanzia ed all'adolescenza».
    «Per Scampia serve un piano strategico che ridisegni completamente il volto del quartiere, dal punto di vista architettonico, economico e sociale, come più volte ribadito dal coordinatore cittadino di FLI Raffaele Ambrosino. In quanto alle Vele, il mio sogno è che prima o poi il popolo napoletano ed in particolare i residenti di Scampia vadano lì ad abbattere a calci e pugni quei mostri di cemento così come fu abbattuto il muro di Berlino. Sarebbe davvero una bella liberazione: dal degrado, dalla criminalità e da quel perverso concetto che vorrebbe gli uomini annichiliti e stipati in casermoni come le api in un alveare o come le galline in un allevamento intensivo».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©