Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Parole dure da parte di Evangelisti (Idv)

Apertura scuola al 30/9: Gelmini ok, Lega e Idv no


Apertura scuola al 30/9: Gelmini ok, Lega e Idv no
24/05/2010, 16:05

ROMA - Sta generando molti contrasti politici il disegno di legge sulla scuola, presentato dal senatore del Pdl Giorgio Rosario Costa, che sposta l'inizio delle lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado dal 15 al 30 settembre. La prima reazione è stata quella del Ministro per l'Istruzione Maria Stella Gelmini, che si è detta d'accordo con la proposta: "Io sono molto aperta su questo. Il nostro paese vive di turismo e a settembre si possono avere migliori opportunità economiche per le vacanze. Posticipare l’apertura dell’anno scolastico potrebbe aiutare molte famiglie e dare anche un aiuto al settore turistico".
Meno felice dell'idea Franco Evangelisti, deputato dell'Italia dei Valori: "Il ministro Gelmini è come Maria Antonietta che al popolo affamato diceva di offrire brioche. Il mondo della scuola pubblica è sul lastrico, con i genitori che sono costretti a pagare addirittura la carta igienica, e il ministro si dice favorevole al posticipo dell'anno scolastico. La questione non è se posticipare l'inizio dell'anno scolastico o meno. Il dramma è che molte scuole rischiano di non aprire affatto, per colpa degli indiscriminati tagli alla scuola pubblica messi in atto dal duo Gelmini-Tremonti. Pensare poi di rilanciare il turismo facendo cassa di nuovo sulla scuola é da irresponsabili".
Ma anche la Lega Nord non condivide l'idea del Ministro Gelmini, come dimostrano le dichiarazioni della senatrice Irene Aderenti: "La proposta del Pdl di tornare a scuola il 30 settembre è inattuabile, in quanto la direttiva europea prevede 200 giorni e va rispettata, perché se togliamo i giorni di scuola del mese di settembre si rischia di non rispettare questo minimo Inoltre, estendere questa proposta a tutto il territorio nazionale significa mettere in difficoltà le famiglie e i lavoratori dipendenti perché  alla fine di agosto la maggior parte iniziano il lavoro. E dove mettono i bambini?"

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©