Politica / Politica

Commenta Stampa

Nel Pdl e Udc si parla di "sacralizzazione dell'incesto"

Approvata la legge: mai più differenze tra figli e figliastri


Approvata la legge: mai più differenze tra figli e figliastri
27/11/2012, 21:09

ROMA - Approvata alla Camera (dopo che il provvedimento era già passato al Senato) la legge che equipara la situazione, davanti alla legge tra figli naturali e figli legittimi. La legge è passata con 366 favorevoli, 31 contrari e 58 astenuti. Ma i partiti sono andati in ordine sparso, dando libertà di voto ai singoli. 
Ora, il figlio naturale, riconosciuto da uno solo dei genitori di una coppia, avrà diritto di stare in famiglia come se fosse figlio di entrambi; e quindi, in caso il genitore morisse, potrà essere cresciuto dall'altro o dai nonni, anzichè essere dato in adozione. Il riconoscimento potrà avvenire anche da parte del genitore unito in matrimonio con altro partner (rispetto ai genitori naturali del piccolo) al momento della nascita. 
Ma non mancano le voci dissenzienti. Come quella di Paola Binetti (UDC) e Alfredo Mantovano (Pdl) che sottolineano come questa legge consentirà una legittimazione ed una sacralizzazione dell'incesto.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©