Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Dovrà essere approvato dalla Conferenza unificata

Approvato il decreto di federalismo fiscale, più Irpef alle Regioni


Approvato il decreto di federalismo fiscale, più Irpef alle Regioni
07/10/2010, 10:10

ROMA - Il Consiglio dei Ministri odierno ha approvato lo schema di federalismo fiscale, incentrato su tre punti: il fisco regionale, quello provinciale e i costi e fabbisogni del settore sanitario. In pratica il decreto permette alle Regioni di aumentare l'Irpef dell'1,4% nel 2013, dell'1,8% nel 2014 e del 3% nel 2015. L'aumento però non sarà possibile per i primi due scaglioni di reddito. Inoltre non potranno diminuire l'Irap, se utilizzano questa addizionale regionale. Ora il provvedimento dovrà essere discusso ed approvato dalla Conferenza unificata Stato-Regioni, prima di passare alle Commissioni parlamentari competenti e ritornare in Consiglio dei Ministri per l'approvazione definitiva. L'obiettivo della Lega Nord è quello di stringere i tempi, per approvare il provvedimento definitivo entro marzo.
In teoria, si dovrebbe fare come negli anni '90, quando iniziò il decentramento e i governi di centrosinistra crearono le addizionali Irpef per gli enti locali, tagliando contemporaneamente le percentuali dell'Irpef a livello nazionale per un valore equivalente. Ma questo governo, che sta procedendo alla metodica distruzione dei conti pubblici, potrà fare lo stesso? O questo cosiddetto federalismo sarà il solito aumento di tasse?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©