Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Tutti a favore, tranne l'Idv e l'astensione dei radicali

Approvato il rifinanziamento delle missioni militari all'estero


Approvato il rifinanziamento delle missioni militari all'estero
02/08/2011, 15:08

ROMA - Approvata alla Camera dei Deputati la legge sul rifinanziamento delle missioni militari all'stero. Con 493 voti a favore (praticamente tutti i partiti di maggioranza e di opposizione), 22 voti contrari (Italia dei Valori) e 15 astenuti (tra cui la componente dei Radicali di Pannella del Pd), la legge è stata approvata definitivamente, senza modifiche rispetto al voto del Senato. Il testo stabilisce un taglio di 2000 soldati nelle missioni all'estero, da praticarsi entro il 30 novembre 2011. Non è ancora noto quali delle missioni verranno tagliate, ma appare improbabile che tocchi a quella in Kosovo, dove le tensioni stanno aumentando, o a quella in Afghanistan, sulla quale il Ministro della Difesa Ignazio La Russa punta per accrescere il proprio prestigio e quello del governo italiano a livello internazionale. Per cui è facile immaginare che ci sarà una riduzione della missione in Libia, ma soprattutto di quella in Libano, come richiesto da parecchio tempo da Usa ed Israele. Infatti il governo di Tel Aviv ha intenzione di scatenare una nuova offensiva nel sul del Libano, come nel 2006, per conquistare il territorio libanese per una profondità di circa 30 Km. fino al fiume Awwaii. Cioè proprio lo spazio che ora è occupato e pattugliato dai caschi blu guidati dall'Italia. Poichè appare difficile in tempi brevi un ritiro della missione Onu, Usa ed Israele stanno chiedendo a tutti i Paesi partecipanti, singolarmente, di ritirare le proprie truppe

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©