Politica / Napoli

Commenta Stampa

Manovra da 1,7 miliardi di euro

Approvato nella notte il bilancio preventivo


Approvato nella notte il bilancio preventivo
18/09/2013, 11:07

Al termine di una lunga seduta, iniziata ieri mattina e terminata solo in piena notte, il Consiglio comunale di Napoli ha approvato il bilancio di previsione 2013 con 27 voti a favore, 9 contrari e 5 astenuti (A favore hanno votato 27 consiglieri dei gruppi IdV, FdS, Napoli e' Tua, Verdi, UDC, Centro Democratico e Gruppo misto; si sono astenuti nove consiglieri dei gruppi di Ricostruzione democratica (3), del Pd (2), del PdL Napoli (1), di Sel (1) e di FdS (due consiglieri che nelle settimane scorse sono usciti dalla maggioranza); contro il bilancio hanno votato cinque consiglieri dei gruppi dei Fratelli d'Italia (2), del Pdl (1), Liberi per il sud (1) e del Pd (1) ndr). Una manovra dal valore di 1,7 miliardi di euro con la previsione di arrivare già nel 2014 a un avanzo di bilancio di parte corrente, in largo anticipo rispetto ai 10 anni previsti dal piano di riequilibrio. Leva fiscale portata al massimo e misure «per mitigare l'impatto sui cittadini»: così aveva spiegato, presentando le singole misure, l'assessore al bilancio del Comune di Napoli Salvatore Palma. Per l'Imu è prevista una riduzione della tassazione dal 10,6 all'8 per mille per i canoni di locazione concordati, mentre per le giovani coppie scende al 6 per mille. Per l'Irpef rispettato lo 0,8%, ma aumenta la platea degli esentati passando da una soglia di reddito di 10mila euro a 18mila euro. Dalla tassa di soggiorno sono previsti oltre 5 milioni in entrata mentre la Cosap, ha spiegato Palma, «consentirà, anche grazie alla lotta all'evasione, un'entrata di circa 5 milioni in più rispetto al gettito 2012». Il Consiglio comunale si e' concluso con la decisione di rinviare la riunione sul Forum delle Culture, prevista per oggi, al 26 settembre in una seduta che avrà come primo punto all'ordine dei lavori, prima della monotematica sul Forum, la mozione di sfiducia all'assessore Tommasielli. La decisione è stata presa a maggioranza, con soli due voti contrari.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©