Politica / Regione

Commenta Stampa

Arcigay Napoli: "Condanniamo la politica del putipù di Sacconi e Giovanardi"


Arcigay Napoli: 'Condanniamo la politica del putipù di Sacconi e Giovanardi'
23/05/2011, 10:05

«Le affermazioni di Maurizio Sacconi e di Carlo Giovanardi, uno col putipù e l’altro col triccheballacche, servono a fare rumore ma sono strumentali per una campagna alle amministrative del centro-destra povera di contenuti per larghe fasce della popolazione napoletana, per tante cittadine e cittadini e coppie omosessuali e transessuali», afferma Fabrizio Sorbara, presidente dell’Arcigay di Napoli, «Apprezziamo Luigi De Magistris, il primo politico italiano ad esprimersi chiaramente a favore dei matrimoni tra persone dello stesso sesso, benché da sindaco potrà poco su questo. Se le battute di Giovanardi non ci fanno ridere nemmeno più, troviamo sconcertante che sia proprio il ministro delle Politiche Sociali, un ex-socialista, ad esprimere posizioni ideologiche oscurantiste e così anti-inclusive. Tutto questo stride con altre voci del centro-destra e del governo come alcuni parlamentari e la ministra per le Pari Opportunità Mara Carfagna, che sentendo l’urgenza di una legge a favore delle persone lgbt, hanno promesso il voto al testo contro l'omofobia, ritagliato sulle indicazioni europee».

«Forse Sacconi sogna per il dopo-Berlusconi di fare l’ayatollah per un altro dittatore che apprezzerebbe le sue idee», dichiara Salvatore Simioli, avvocato, responsabile dello Sportello Diritti e Studi Giuridici dell’Arcigay di Napoli, «ricordiamo al ministro che in Italia la Corte Costituzionale un anno fa ha riconosciuto che le coppie omosessuali rientrano tra le formazioni sociali meritevoli di riconoscimento giuridico (ex art. 2 della Costituzione) ed ha invitato il Parlamento a discutere proposte di legge che estendano alle coppie omosessuali le stesse garanzie riconosciute alle coppie eterosessuali, in fondo basterebbe fare un copia e incolla dai codici di una ventina di stati dell’Unione Europa dove da decenni ci sono leggi in vigore».

Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Maurizio Sacconi, ha commentato l’intervista che Luigi De Magistris ha rilasciato al settimanale L’Espresso in cui il candidato a sindaco dice di essere favorevole ai matrimoni gay, affermando “Si tratta di una posizione che va oltre il doveroso rispetto nei confronti di tutte le relazioni affettive, in quanto riconosce alle coppie omosessuali quella dimensione pubblicistica, anche in relazione all'educazione dei minori, che non a caso i costituenti limitarono esplicitamente all'incontro tra un uomo e una donna nell'auspicio della procreazione e dell'educazione dei figli”. Il sottosegretario alla famiglia Carlo Giovanardi in una intervista a Klaus Davi ha dichiarato, a commento della stessa dichiarazione del candidato a sindaco di sinistra, tra le altre cose, “si tenta di aggiungere ulteriori fenomeni di disgregazione a una società che è già disgregata”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©