Politica / Parlamento

Commenta Stampa

In progetto distruzioni armi chimiche siriane.

Armi chimiche Siria, Bonino: "Italia farà la sua parte"


Armi chimiche Siria, Bonino: 'Italia farà la sua parte'
30/09/2013, 17:59

ROMA - "Sono molto soddisfatta per l'adozione il 27 settembre 2013 da parte del Consiglio di Sicurezza della risoluzione sulla Siria che dispone la completa distruzione delle armi chimiche siriane". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri Emma Bonino a margine dell'incontro con il presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa Peter Maurer aggiungendo che "l'Italia fara' la sua parte". "Ora Damasco deve assicurare al personale delle Nazioni Unite e dell'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche accesso immediato e incondizionato ai siti". "L'uso di armi chimiche - ha proseguito Bonino - costituisce una minaccia diretta alla pace e alla sicurezza internazionale, e l'Italia fara' la sua parte per assicurare la piena attuazione della decisione adottata il 27 settembre 2013 dall'Opwc, che ha stabilito procedure speciali per una distruzione rapida e verificabile distruzione dell'arsenale chimico siriano". Il ministro degli Esteri ha confermato che l'Italia potrà svolgere un ruolo importante in termini logistici, finanziari e di expertise tecnica nell'mabito del piano di distruzione delle armi chimiche siriane che l'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche intende attuare nelle prossime settimane.

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©