Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Arresti Rifiuti, Circoli ambiente: nessun giustizialismo


Arresti Rifiuti, Circoli ambiente: nessun giustizialismo
28/01/2011, 15:01

Roma, 28 gennaio 2011 – 14 arresti nell’ambito di un’inchiesta per associazione a delinquere, truffa e reati ambientali. Agli arresti domiciliari, tra gli altri, l’ex Prefetto e Commissario ai Rifiuti in Campania, Corrado Catenacci, e l’ex vice di Bertolaso, Marta Di Gennaro. Tra gli indagati risulterebbero anche Bassolino e l’ex Assessore Regionale all’Ambiente Luigi Nocera. “Un plauso alle Forze dell’Ordine ed alla magistratura per il lavoro svolto” dichiara il Presidente dei Circoli dell’Ambiente, Alfonso Fimiani, “ma nessun trionfalismo o giustizialismo anti-bassoliniano: da quanto ho potuto apprendere dagli organi di informazione, siamo ancora in una fase pre-processuale, ragion per cui, nel pieno rispetto del principio di presunzione di innocenza, la mia stessa etica, prima ancora che la professione di avvocato che esercito, mi impone di attendere prima di emettere un qualunque giudizio”. Fimiani si lascia però andare ad una valutazione personale sull’ex Prefetto Catenacci, “Persona che ho avuto modo di incontrare più volte in passato: uomo di Stato, esempio di integrità ed incorruttibilità, persona onesta ed irreprensibile, che stento a credere possa essere stato coinvolto in una ‘associazione a delinquere’, nel senso più stretto della definizione. Gli auguro di uscire ancora una volta indenne da questa inchiesta”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©