Politica / Regione

Commenta Stampa

Presentati i dati dall'Assessore Raffa

Artigianato: creati 250 nuovi posti di lavoro


.

Artigianato: creati 250 nuovi posti di lavoro
30/11/2010, 16:11


NAPOLI - Il sindaco di Napoli Rosa Iervolino Russo e l'assessore allo Sviluppo Mario Raffa hanno presentato il "Bilancio delle azioni di sostegno all'artigianato, ai servizi e alle piccole imprese nei bandi finanziati dalla legge 266/97". Il piano di finanziamenti, articolato in tre bandi, ha consentito al Comune di Napoli di dare sostegno a 55 imprese e di favorire la nascita di 31 nuove aziende. I bandi relativi al V e al VI Programma della legge 266/97 (legge Bersani) sono stati realizzati e gestiti in maniera innovativa e trasparente ed hanno prodotto risultati importanti.
Si è trattato di un processo che fin dalle prime fasi, a partire da quelle precedenti all'emanazione dei bandi, ha visto il coinvolgimento ed il confronto con tutti i soggetti portatori di interesse: dai presidenti, gli assessori e i tecnici delle Municipalità alle parti sociali, ai sindacati e alle forze produttive delle aree interessate.
L’area flegrea, scelta per il VI Programma, in una logica di distribuzione omogenea che fa tesoro del lavoro già svolto nell’ambito della periferia orientale e settentrionale della città, si contraddistingue per un tessuto produttivo caratterizzato dalla presenza di numerose piccole imprese e micro-imprese in fase di grave difficoltà, ed alcune con processi di riconversione in atto.
E dunque le azioni pianificate dall’amministrazione e condivise con i soggetti portatori di interesse hanno tenuto conto della crisi congiunturale e hanno mirato a raggiungere obiettivi misurabili e, soprattutto, innovativi.
Una delle più importanti novità dei bandi 266/97 è stata la concessione alle imprese vincitrici di un ulteriore contributo, per la formazione e riqualificazione, in vista del reimpiego nel circuito produttivo, dei lavoratori socialmente utili operativi presso il Comune di Napoli e dei lavoratori iscritti alle liste di mobilità da non più di un anno.
Ciò ha portato alla creazione di 250 nuovi posti di lavoro, il che assume particolare significato in un periodo di grave crisi socio-economica e occupazionale, a livello globale e locale.
Per ciò che concerne gli aspetti organizzativi, nel VI Programma, le istruttorie sono state condotte dagli uffici comunali con modalità a sportello, rigorosamente secondo
l’ordine cronologico di spedizione delle domande. Giornalmente, sulla base dell’effettivo arrivo delle candidature, sono stati resi pubblici, mediante notifica sul
sito del Comune di Napoli, i dati relativi alle domande pervenute ed ai fondi disponibili. Ciò ha permesso ai potenziali soggetti interessati di avere immediato riscontro dello stato di avanzamento del Bando nonché dei tempi a disposizione per presentare utilmente un’eventuale candidatura.
Il tutto si è tradotto in un concreto intervento a sostegno delle imprese e dello sviluppo della nostra città, che è tanto più importante in quanto si pone al servizio della riqualificazione di aree degradate favorendo la concretizzazione di idee e
progetti imprenditoriali che nascono da territori che, oltre ai problemi, mostrano anche notevoli potenzialità ed energie.
Stiamo già lavorando per riproporre ed ampliare questa iniziativa già nei prossimi mesi con l’obiettivo di renderla strumento sempre più integrato della nostra strategia complessiva di sostegno allo sviluppo delle imprese nella nostra città.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©