Politica / Regione

Commenta Stampa

Il Campanile al centro dei cambiamenti di questi giorni

Assalto all'Udeur da parte degli ex Mpa e Pd


Assalto all'Udeur da parte degli ex Mpa e Pd
16/10/2009, 19:10

Le prossime regionali portano sempre più novità nello scacchiere politico. Due giorni fa sono fuoriusciti dall’Mpa il sottosegretario agli Esteri Vincenzo Scotti e il deputato Antonio Milo. Il coordinatore regionale del partito di Lombardo Salvatore Ronghi in merito ha affermato:<< c’erano alcuni che coltivavano il movimento come un piccolo orticello monocratico e personale e che oggi vanno via perchè non sopportano nuove e impegnative adesioni». Anche di Pietro Mastranzo, consigliere comunale e regionale, dal Pd passa all’Udeur. È il quinto cambio di casacca di Mastranzo, contando solo l’inizio della consiliatura della Iervolino nel 2001: eletto in Forza Italia va all’Udc, passando per il suo movimento Iniziativa popolare e il misto sino al Pd. Poi ieri l’ufficializzazione dell’approdo nel partito di Mastella, motivato così da Mastranzo: «Lascio il Pd assieme a tanti amici simpatizzanti, consiglieri comunali e di municipalità perchè con l’approvazione dell’ultimo bilancio, questo partito non è più legittimato a parlare del sociale assieme agli alleati di sinistra. Lascio il Pd perchè il sindaco sceglie Bersani che parla di sociale e poi propone e vota una Tarsu iniqua per coprire le malefatte amministrative, il popolo degli evasori e mortifica gli onesti contribuenti napoletani». E nell’Udeur sono pronti a passare, ma questa volta dal Pdl, anche i consiglieri comunali Ciro Varriale e Ciro Monaco. E così il partito di Clemente Mastella diventerà il terzo gruppo di palazzo San Giacomo. Movimenti anche nell’Adc di Francesco Pionati dove si avvicina l’ex ministro per l’Università Ortensio Zecchino. i due hanno annunciato di «avviare un approfondimento sui modi di essere di una forza politica che voglia rifuggire dai modelli sia del partito privatistico che del ”partito pigliatutto”, purtroppo dominanti nella politica del nostro tempo».

 

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©