Politica / Politica

Commenta Stampa

Atac, Santori: "Metro Roma inaccessibile per disabili e mamme con carrozzine"


Atac, Santori: 'Metro Roma inaccessibile per disabili e mamme con carrozzine'
11/11/2013, 14:28

ROMA - “Si faccia presto chiarezza sulla presunta vergognosa forma di signoraggio nel trattamento dei tagliandi Atac, ma si lavori immediatamente per far entrare Roma in Europa nel rapporto col mondo della disabilità e delle famiglie. Il fatto che, in particolare nei fine settimana, gli ascensori e le scale mobili di quasi tutte le stazioni metro siano inutilizzabili a causa della non prevista presenza di manovratori crea un contesto vergognoso e incivile. Chiedo immediatamente al sindaco Marino un intervento immediato e concreto per rendere ordinaria la vita di decine di concittadini che vivono la nostra città su una carrozzina e di mamme con passeggini che vorrebbero vivere un tranquillo week end a spasso nella propria città”, così dichiara in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e componente della commissione Politiche Sociali, intervenendo su sollecito di numerosi cittadini che segnalano lo stato in cui versano molte stazioni metro di Roma, tra cui quella del capolinea Battistini, di Eur Palasport e della stazione Laurentina. 
“Si parla di pedonalizzazione dei Fori e di altri quadranti della città ma non di queste situazioni vergognose che devono essere affrontate con il dovuto rigore. Non è ammissibile ricevere segnalazioni di mamme e persone con handicap aiutate a portare passeggini e sedie a rotelle da altri volenterosi romani o da anziani parenti, ciò nonostante in tutte le stazioni Metro di Roma siano affissi cartelli che indicano che le stesse siano abilitate all’uso da parte di persone con handicap. A questo si aggiunge il degrado degli ascensori di Termini, da poco installati, e i guasti che caratterizzano diversi impianti di traslazione anche durante la settimana. Sull’attenzione ai disabili, alle famiglie e al trasporto pubblico crediamo che Roma debba rilanciare la propria sfida di città vivibile e civile”, conclude Santori. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©