Politica / Regione

Commenta Stampa

Audizione per i presidi ospedalieri di Polla-Sant'Arsenio

Pica: "Più risorse per le carenze funzionali dei P.O."

Audizione per i presidi ospedalieri di Polla-Sant'Arsenio
01/02/2011, 16:02

Stamani si è riunita in audizione la V^ Commissione permanente Sanità, alla presenza del Presidente Michele Schiano e dei consiglieri regionali salernitani Gennaro Mucciolo, Gianfranco Valiante, Antonio Valiante e Anna Petrone, che su richiesta del Presidente della IV^ Commissione speciale Donato Pica, hanno discusso della situazione degli ospedali di Polla – Sant’Arsenio e delle attuali carenze funzionali ed organizzative. A tale incontro ha partecipato il sindaco di Atena Lucana Sergio Annunziata in qualità di Presidente del Comitato dei Sindaci dell’Asl Sa che nel corso del suo intervento ha evidenziato “le gravi carenze di struttura e di personale in cui si trovano i presidi ospedalieri, posti all’attenzione dalla Commissione.
A tal riguardo il Consigliere regionale del Pd Donato Pica ha posto attenzione “sul ruolo di indirizzo e programmazione che spetta alla Commissione Sanità, al Consiglio Regionale e ai Sindaci. È questo un aspetto che va sottolineato – ricorda – in quanto le competenze commissariali riguardano l’attuazione del Piano di rientro”.
“Nel merito della questione trattata, ribadisco che per gli Ospedali di Polla – Sant’Arsenio, occorre immediatamente – prosegue l’esponente salernitano del Pd - dotare le varie divisioni del necessario personale medico che è fortemente carente, mentre sul piano attuativo dell’Asl Salerno, vanno apportate alcune modifiche, integrando e compensando i posti letto per aree omogenee sulla scorta degli indici di utilizzazione degli stessi ed in base alla efficienza delle prestazioni rese”. Un’indicazione pienamente condivisa dal Presidente della commissione regionale Sanità Michele Schiano, che assicurato come “La tutela di tutti i presidi ospedalieri pubblici e privati è il primo obiettivo della commissione. Ed è per questo che si utilizzeranno le risorse economiche attuali e quelle che verranno erogate, al fine di non far scomparire alcun nosocomio della regione Campania”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©