Politica / Politica

Commenta Stampa

“ Questa è una crisi non solo economica”

Bagnasco: “Dimissioni Monti? Era forse inevitabile”


Bagnasco: “Dimissioni Monti? Era forse inevitabile”
10/12/2012, 11:58

ROMA – Anche Bagnasco commenta gli ultimi negativi sviluppi che sta vivendo l’Italia,  lo fa in un’intervista rilasciata al “Corriere della Sera”.
“Non si può mandare in malora i sacrifici di un anno, che sono ricaduti spesso sulle fasce più fragili. Ciò che lascia sbigottiti è l'irresponsabilità di quanti pensano a sistemarsi mentre la casa sta ancora bruciando”, ha dichiarato il presidente della Cei. E continua : “La preoccupazione più grande è la tenuta del nostro Paese e quindi la coesione sociale”.
Sulle decisioni di Monti e la crisi politica, aggiunge “Una crisi che non è solo economica e sociale ma culturale e morale. Per troppo tempo i partiti sono stati incapaci di pervenire a decisioni difficili e a parlare il linguaggio della franchezza e non quello della facile demagogia". 
E sulle dimissioni del Premier, commenta : “Era forse inevitabile. Ma i grandi sacrifici che sono stati richiesti hanno il diritto di vedere frutti concreti, oltre ad avere permesso di non cadere nel baratro del fallimento del sistema-Paese. Inoltre è saggio tenere in seria considerazione l'autorevolezza che l'Italia ha acquisito in campo europeo e internazionale". 
Per le future manovre da adottare, il cardinale Bagnasco auspica figure che possano rinverdire una credibilità e competenza al Paese e alla politica nazionale e internazionale, evitando di non ricascare nelle situazioni paradossali che diverrebbero irrecuperabili.

 

 

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©