Politica / Politica

Commenta Stampa

“C’è bisogno di verità”

Bagnasco: “La gente non si fa abbindolare”


Bagnasco: “La gente non si fa abbindolare”
07/02/2013, 16:55

ROMA - Ormai a meno da un mese dalle elezioni politiche i confronti tra i leader sono entrati  nel vivo.
E ad intervenire sulla questione delle promesse a cui ci hanno abituato i nostri politici durante la campagna elettorale, c'è anche il cardinale Angelo Bagnasco. Il presidente della Cei, al termine dell'assemblea del Movimento cristiano lavoratori ha dichiarato: “La gente non si fa più abbindolare da niente e da nessuno. In campagna elettorale gli italiani hanno bisogno della verità delle cose, senza sconti, senza tragedie ma anche senza illusioni”.  Poi il porporato ha aggiunto: “Soltanto così si può portare a percorrere strade che portano frutti per il bene del Paese e della gente. E’ necessaria una spinta a superare il rischio e la tentazione di una politica vecchia e guardare avanti partendo dal realismo, anche perché la gente non si fa più abbindolare da niente e da nessuno". Bagnasco poi ha aggiunto: “Auspico l'arrivo di un presidente che, insieme al Governo e all'intero Parlamento, possa veramente portare avanti innanzitutto il lavoro, senza il quale non vi è futuro né per le famiglie, né per le persone, né per il Paese e per la società intera".  Il Presidente della Cei ha poi concluso sottolineando l’importanza della famiglia dicendo che è: “Fondamento della società, come stiamo vedendo anche adesso che l'Italia regge grazie anzitutto alla dinamica delle famiglie, che non solo usano tutti i risparmi possibili per i figli e per i nipoti, ma soprattutto mettono in campo e rafforzano quel patrimonio di fiducia e di autostima, senza dei quali nessuno riesce ad affrontare il futuro".

 

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©