Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il cardinale riassume le aspirazioni della Chiesa

Bagnasco: "Sogno una generazione di politici cattolici"


Bagnasco: 'Sogno una generazione di politici cattolici'
02/12/2010, 22:12

Il presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco, torna a fare un appello per una "nuova generazione" di cattolici in politica, evocata una prima volta dal Papa anni fa, e sottolinea che ciò non significa "disconoscere quanto di positivo c'è già" nel mondo della politica cattolica. "All'interno di questa stagione di rinnovato impegno educativo, si colloca pure quello che mi ero permesso di confidare come un sogno, di quelli che si fanno ad occhi aperti", ha dichiarato Bagnasco, aprendo un forum della Cei sull'unità d'Italia. "Infatti, senza voler affatto disconoscere quanto di positivo c'è già e anzi con la cooperazione scaturente dalle esperienze già presenti sul campo, formulavo l'auspicio che possa sorgere una generazione nuova di italiani e di cattolici che sentono la cosa pubblica come fatto importante e decisivo, che credono fermamente nella politica come forma di carità autentica perché volta a segnare il destino di tutti”.
Riprendendo in parte le parole del presidente Napolitano, il presidente della Cei afferma che l’unità d’Italia resta “conquista preziosa e ancoraggio irrinunciabile”.
Bagnasco chiede dunque un ''federalismo veramente solidale'' che non sia ''trovarsi accanto selezionando gli uni o gli altri in modo interessato, ma che e' fatto di stima e rispetto, di simpatia, di giustizia, di attenzione operosa e solidale verso tutti, in particolare per chi e' povero, debole, indifeso''.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©