Politica / Politica

Commenta Stampa

Vittoria della Lega a Ferrara, è polemica sui festeggiamenti

Ballottaggi: Lega e Pd si dividono i Comuni, M5S conquista Campobasso


Ballottaggi: Lega e Pd si dividono i Comuni, M5S conquista Campobasso
10/06/2019, 09:01

ROMA - Buoni risultati sia per la Lega che per il Pd ai ballottaggi. Il Movimento 5 Stelle era presente solo a Campobasso, dopo la debacle di due settimane fa; e qui ha vinto con Roberto Gravina, che ha raggiunto il 70%, contro Maria Domenica D'Alessandro, sostenuta dal centrodestra. Il centrodestra vanta, tra i vari comuni, può vantare la vittoria a Ferrara, comune guidato dal centrosinistra sin dal Secondo Dopoguerra. Ma qui è nata una forte polemica, per la assoluta mancanza di sensibilità del neoeletto sindaco che ha steso la bandiera della Lega sopra la bandiera esposta in memoria di Giulio Regeni. Altra città tradizionalmente "rossa" passata alla Lega è Forlì, dove Gian Luca Zattini ha vinto di misura contro il candidato del centrosinistra Giorgio Calderoni. 

Tra le vittorie del centrosinistra spicca quella di Livorno, dove Luca Salvetti ha vinto col 63% delle preferenze sul candidato del centrodestra Andrea Romiti. Ma le vittorie sono state anche a Prato, Reggio Emilia, Rovigo, Cesena e Cremona. 

Si era parlato di un patto di desistenza tra Pd e M5S, per far vincere il secondo a Campobasso e il primo a Termoli. Ma si è rivelata la solita bufala: a Termoli M5S ufficialmente si è mantenuto neutrale (in realtà i flussi di voto dimostrano che nei ballottaggi M5S vota sempre per la Lega, se non ha un proprio candidato. E questo sin dal 2014, ndr) e alla fine ha vinto il candidato del centrodestra. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©