Politica / Regione

Commenta Stampa

Banca D'Italia: maglia nera per l'economia Campana

Presentata la relazione annuale sull'andamento economico

.

Banca D'Italia: maglia nera per l'economia Campana
14/06/2011, 15:06

NAPOLI - Una relazione allarmante quella della Banca D’Italia sulla situazione dell’occupazione in Campania. Nella relazione annuale, la Banca d’Italia parla dello squilibrio tra domanda e offerta nel mercato del lavoro il numero di occupati è diminuito per il quarto anno consecutivo, il tasso di occupazione delle persone in età da lavoro è sceso per la prima volta al di sotto del 40 per cento. In Campania le persone tra 15 e 34 anni disoccupate erano oltre 615mila alla fine del 2010. L’incidenza di tale fenomeno sulla popolazione giovanile sfiora il 40 per cento, il livello più elevato tra le regioni italiane. Il problema lavoro in Campania, si conferma quindi più grave rispetto alla media nazionale. Nel 2010, la quota di famiglie campane senza alcun componente occupato è stata superiore al 27 per cento, oltre tre punti percentuali in più rispetto al 2008.

“Puntare sulla qualità della spesa, piuttosto che sulla quantità, facendo in modo che le risorse pubbliche siano capaci di determinare condizioni migliori per gli investimenti dei privati”. Così l’assessore all’Urbanistica e al Governo del territorio Marcello Taglialatela, che oggi è intervenuto alla presentazione del Rapporto sull’economia della regione elaborato dalla sede partenopea della Banca d’Italia.
“Si tratta di un impegno che deve coniugarsi con il rispetto dell’ambiente – aggiunge l’assessore – così come sta avvenendo nel settore abitativo dove i progetti di Housing sociale voluti dall’Esecutivo seguono criteri di bioarchitettura, puntano alle relazioni ed all’integrazione sociale ed hanno già messo in moto consistenti investimenti privati”.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©